Calciomercato

UFFICIALE - Sampdoria: Gerbi, Francofonte e Stoppa nell'affare Vrioni

I tre giovani nell'operazione che ha portato l'attaccante in bianconero

Karim Dafirbillah
30.01.2020 16:45

 

VUOI ACQUISTARE L'ALMANACCO DE 'LA GIOVANE ITALIA'? SCOPRI COME!

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI CALCIOMERCATO GIOVANILE!

 

3x1! Non è un'offerta da supermercato ma certamente è un affare, guardandolo a priori, per la squadra blucerchiata. Nell'operazione che ha portato l'attaccante italo-albanese Vrioni alla Juventus Under 23, prelevato dal Cittadella dove si trovava in prestito, la Sampdoria si è aggiudicata tre giovani bianconeri in prestito: Erik Gerbi (in alto a sinistra), Nicolò Francofonte (in alto a destra) e Matteo Stoppa.

Erik Gerbi: attaccante d'Ivrea nato nel 2000. Prodotto del vivaio della Pro Vercelli con la quale gioca in tutte le squadre Under fino ad esordire in Prima Squadra contro il Cittadella a maggio del 2018 e segnando tre reti nella prima parte della stagione successiva prima di passare alla Juventus a gennaio 2019. Attaccante rapido, ambidestro, che può giocare da prima e da seconda punta.

Nicolò Francofonte: centrocampista, 2001. Cresciuto nel Palermo Giants Club e passato al Trapani poco meno che adolescente, sono quattro che gioca per la Vecchia Signora, dopo un duello di mercato con l'Atalanta. Proprio con il club torinese ha cominciato a modificare e ampliare la sua posizione in campo, passando da trequartista a regista e mezzala, muovendosi con ampio raggio. Fisico, tecnica, inserimenti e buon tiro da fuori uniti alla personalità. 

Matteo Stoppa: attaccante del 2000. Dall'età di dieci anni ha giocato per il Novara, segnando anche tra i professionisti, fino alla scorsa estate, quando si è trasferito sotto la Mole, con la famiglia (primo amore), il tennis (secondo sport) e Ronaldo (idolo) nel cuore. La famiglia, infatti, è il pilastro della sua vita, alla quale ha dedicato il suo primo goal da professionista; il tennis poteva essere la sua strada se a dieci anni non scelse il calcio; CR7 è il suo idolo, arrivando a leggere la sua biografia prima di ogni partita. Un attaccante mobile che ama allargarsi e quindi fungere anche da ala, oltre che da seconda punta, e che ascolta molto i consigli dei più grandi e degli esperti. 

Altri tre gioiellini, dunque, per Cottafava, dopo l'altro di due giorni fa, Askildsen, che possono sicuramente garantire una seconda fase di stagione migliore della prima.

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 20^ giornata: Mulattieri si prende la vetta, accorcia D'Amico
Diverse operazioni di mercato del Sassuolo: Petronelli verso Parma