Perugia

Juve Stabia-Perugia, le pagelle dei perugini: Vagnoni illude ma l'errore dal dischetto di Konate pesa

Lorenzo Chiariello
25.11.2019 14:56

Bocci 5.5: meno operoso del diretto avversario fino agli ultimi 15' minuti, la Juve Stabia sembra cotta ma Campanile e Guarracino non si arrendono, subisce due reti si ma la responsabilità è condivisa con la difesa.

Vagnoni 7: zitto zitto fa la sua partita fino a quando veste i panni del rapace d'area, sgomita e trova lo spazio per anticipare Esposito e siglare il vantaggio perugino.

Giordano 5.5: gara di impostazione, sale poco e si limita ad amministrare da dietro, di soluzioni ne ha sia per la verticalizzazione sia sugli esterni, cambia spesso strategia per non dare riferimenti agli avversari, peccato per le distrazioni di tutto il reparto arretrato nel finale in cui c'è anche il suo zampino.

Tozzuolo 5: bene fino agli ultimi minuti, forse la tensione gli gioca un brutto scherzo e l'espulsione rovina una prestazione convincente, di fatto con l'uomo in più la Juve Stabia la ribalta in 5'.

Righetti 6: cala e si rialza nel corso della gara, poi di nuovo scende, è altalenante, cosa comune ai suoi che trovano sempre meno possesso e spazi.

Giustini 6: si vede poco, gara anonima persino nel momento in cui la Juve Stabia spinge di meno lasciandogli più opportunità.

Konate 5.5: chiamato in causa per gran parte della gara, insieme a Tunkara è quello che imposta di più, purtroppo per lui sono i risultati a cantare e quando ha l'opportunità più grande si fa fermare dagli 11 mt, Esposito intuisce ma il tiro è poco convinto.

Tunkara 6.5: tanto attivo in fase di impostazione, cala nella seconda parte di gara, paradossalmente proprio dopo la rete del vantaggio del Perugia.

De Araujo 6: sottotono e poco incisivo, esce senza colpo ferire avendone però, avuto poche opportunità, responsabilità non completamente sua quindi (66' Bacchi 6: subentra ma mantiene la stessa linea, non lascia il segno).

Metelli 6.5: pimpante, costringe la difesa della Juve stabia a stargli addosso, troppo addosso, conquista così un rigore in un momento importante, peccato che Esposito non si faccia bucare da Konate, nonostante ciò i perugini trovano comunque il vantaggio.

Mangiaratti 6.5: coinvolto e cercato sull'esterno, va parecchio alla conclusione ma molte volte viene murato, tra quelli che toccano di più la sfera e hanno più guizzi (86' Torcolacci sv)

Primavera 1, la classifica marcatori dopo l'11^ giornata: Colley allunga, salgono Fonseca e Pavone
Primavera 1, Genoa-Pescara, le pagelle dei grifoncini: Raggio e Moro fanno sognare i rossoblu