Chievo Verona

Filippo Tuzzo, il "predestinato" nel raccogliere l'eredità di Vignato

Alla scoperta del centrocampista Filippo Tuzzo del ChievoVerona

Matteo Zampini
04.06.2020 19:30

 

Foto: Martina Cutrone 

Un altro dei "millenial" apprezzati in questa stagione traballante della Primavera clivense è Filippo Tuzzo. Classe 2001, veronese di nascita, Filippo è cresciuto nella cantera clivense, scalando gradino per gradino fino ad arrivare al massimo campionato giovanile. Le prestazioni più che positive nell'Under 17  promuovono Filippo nella Primavera. Il debutto nel massimo campionato giovanile avviene contro la Fiorentina, il 17 settembre del 2018: Filippo entra in campo a quindici dalla fine e assiste purtroppo alla goleada dei viola nel finale. La sua prima partita da titolare arriva invece contro il Palermo il 6 ottobre, ma dura solo sei minuti, causa infortunio. Il 24 novembre è la data della svolta della sua carriera: nel 4-1 casalingo contro il Genoa, Filippo mette a segno il primo gol con la Primavera. Con il Sassuolo arriva la seconda rete stagionale dagli undici metri, dimostrando di essere un giocatore dalla grande freddezza. A inizio anno, a Udine, arriva il suo terzo gol. L'8 aprile 2019, è invece la data della prima doppietta: Filippo delizia il "Gambino", con due realizzazioni; la prima approffitando di un'errata uscita dell'estremo difensore genoano e la seconda con un sinistro telecomandato all'angolo. Filippo chiude la stagione con un gol in casa dell'Empoli, mentre con la Roma nel play-off gioca solo nel finale di gara.

Tuzzo è un centrocampista con spiccate doti offensive: spesso ha infatti dimostrato di avere un ottimo feeling con la porta. Nella scorsa stagione, insieme ai compagni di centrocampo Zuelli, Karamoko e Enyan, ha dato il meglio di sé in una mediana di tanta qualità, a cui si è aggiunto anche l'apporto del fuoriquota Bertagnoli. Il suo piede preferito è il sinistro, con il quale ha realizzato la doppietta contro il Genoa: calcia bene da ogni posizione, ma sa essere micidiale dentro l'area. La sua crescità è iniziata grazie anche al passaggio in prima squadra di Emmanuel Vignato: da quel momento Tuzzo ha preso più spazio nell'assetto di Mandelli, tanto da avanzarlo sulla linea degli attaccanti. In questa annata sono solo due gol segnati (contro Bologna e Juventus), ma non è mai mancato il suo apporto alla squadra, in difficoltà di classifica e risultati. Un altro elemento della cantera clivense da tenere d'occhio, vista gli ancora ampi margini di miglioramento. 

Primavera, il campionato non riprenderà. Si giocherà la finale di Coppa Italia
UFFICIALE - Virtus Entella, Volpe nuovo allenatore della Primavera