Agostinelli
Fiorentina

Agostinelli: "Ecco perché ho scelto la Fiorentina. Sogno un gol sotto la Fiesole. E Commisso..."

Parla il trequartista della Primavera

Simone Negri
30.04.2021 09:30

Dopo la vittoria della Primavera Tim Cup, in casa Fiorentina ha parlato Vittorio Agostinelli, trequartista della squadra di mister Alberto Aquilani. Di seguito gli stralci più rilevanti delle sue dichiarazioni a Fiorentinanews.com.

Sul paragone con Zaniolo: "L'accostamento è iniziato alla Roma, quando giocavo esterno. Il paragone mi piace, ritengo Zaniolo uno dei giovani più interessanti per le sue qualità. Il mio modello però è Cristiano Ronaldo, per la sua immensa classe e professionalità. Il lavoro costante lo ha portato fino ad oggi ad essere ancora, secondo me, il numero uno al mondo”. 

Su Commisso e la scelta della Fiorentina: “Mi ha impressionato la sua attenzione nei confronti della Primavera, ci fa sentire sempre al centro del progetto. Personalmente mi ha sempre supportato trasmettendomi forza e positività. Quando sono arrivato a Firenze venivo da Trigoria ma si parlava già del futuro centro sportivo. Questa cosa ha influito sul trasferimento: nulla è trascurato dalla società, tantomeno il settore giovanile”.

Sui trascorsi con la maglia della Roma: “È stata una bellissima esperienza. Purtroppo l'anno dopo ci sono stati dei cambiamenti dirigenziali e sono cambiati gli accordi. La società voleva obbligarmi a un rinnovo triennale, io ne facevo invece una questione di programmazione. Da qui la mia decisione di lasciare e scegliere la Fiorentina”.

Sugli obiettivi per il futuro: “Voglio crescere al meglio con la maglia viola e ripagare la fiducia che la società ha riposto in me. Sogno l'esordio in prima squadra e magari un gol sotto la Fiesole, oltre al rimanere il più possibile con i colori di questa bellissima città”.

Sul suo ruolo e sulla stagione dei viola: "Cerco di adattarmi alle richieste del mister. Per le mie caratteristiche, non credo di avere difficoltà a ricoprire qualsiasi ruolo dal centrocampo in su. L'annata? Inizialmente abbiamo avuto qualche difficoltà nel capire le richieste del mister, ma oggi vediamo i frutti del grande lavoro svolto. Aquilani è importante per la mia crescita: si pone come obiettivo la crescita individuale di ogni ragazzo, al servizio della squadra. 

Sulla vittoria della Primavera Tim Cup:Abbiamo vissuto tutti delle forti emozioni condividendole insieme come un grande gruppo. Commisso ha gioito con tutti noi, è un grande Presidente che ci segue molto ed è il nostro primo tifoso. Era felicissimo”.

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 22^ giornata: Olzer e Prelec in doppia cifra, salgono anche Baldanzi e Raul Moro
Primavera 3, Pontedera-Olbia 1-1: il padroni di casa passano ma gli ospiti, all'ultimo respiro, agguantano il pari, un punto che non serve a nessuno