Spezia

Mattia Gaddini, il prototipo dell'ala moderna

Alla scoperta dell'ala classe 2002 dello Spezia

Niccolò Parenti
27.03.2020 12:00

 

 

 

Negli ultimi anni lo Spezia ha avuto nelle proprie giovanili, giocatori come Augustinas Klimavicius e Samuele Mulattieri, ormai protagonisti indiscussi nel campionato primavera 1 rispettivamente nel Genoa e nell'Inter. Alla partenza di questi due grandi talenti,  lo Spezia ha promosso a pieno tempo nella formazione di mister Pierini, giocatori classe 2001-2002 interessanti come Diego Ciccarelli, Filippo Nobile e Andrea Baracchini, oltre a loro uno dei giocatori che si è distinto di più al primo di anno di campionato Primavera è Mattia Gaddini.

Veloce, pungente e instancabile questi sono i primi aggettivi che vengono in mente quando si descrive Mattia nato il 17 Dicembre 2002, la scorsa estate è passato in prestito nelle fila dello Spezia dalla Tau Calcio Altopascio. A giugno scadrà il prestito con gli aquilotti che probabilmente faranno di tutto per riprenderselo dopo le grandi prestazione di questa stagione. 

Per spiegare al meglio le ottime prestazioni del giovane, basta pensare che è stato protagonista ad un quarto delle azioni da gol della propria squadra con tre gol e tre assist, confermandosi piu volte come uno dei migliori in campo dei suoi, giocando tutto il campionato da titolare. La stagione si apre alla grande con il gol nell' uno a uno  in casa del ben più favorito Milan ma la più grande gioia arriva nella vittoria in trasferta per sei a due  in casa dell'Entella dove si conferma come migliore in campo con un doppio assist ed un gol , le grandi prestazioni continuano con il gol  del pareggio in casa contro il Venezia,  subisce in parte anche lui il momento di crisi di risultati della squadra ma ritorna alla grande prestazione con l'assist al gol decisivo di Pinto nella gara con la Spal.

In un calcio fatto sempre di più di ali e mezze punte, Gaddini incarna queste doti, ogni terzino o centrale difensivo che l'affronta deve sempre prepararsi ad una rigida marcatura per marginare le sue rapide incursioni. Oltre a queste indubbie qualità offensive, sa anche sacrificarsi nei momenti di maggior bisogno, abbassando la sua posizione per cercare d'innescare contropiedi fulminei nelle difese avversarie.  Noi di Mondoprimavera.com ci auguriamo che queste ottime prestazioni regalino a lui la conferma nella formazione  spezzina e  sempre più convocazioni in nazionale giovanile, con la speranza che tutto questo possa portare in un domani non troppo lontano ad un debutto in Serie A.

Luca Baracchini, il bomber dello Spezia che studia CR7
Inter, per Mulattieri si muove lo Spezia