Livorno

C’è un niño maravilla vestito di amaranto: Livorno ai piedi di Hamza Haoudi

Focus su Hamza Haoudi, esterno offensivo del Livorno

Giacomo Trambusti
14.04.2020 12:00

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

Nel Livorno, che sta sorprendendo ed è al quarto posto nel campionato Primavera 2B, sta giocando alla grande un ragazzo marocchino nato a Lucca nel 2001: si chiama Hamza Haoudi e non ha nessuna voglia di fermarsi.

Classica mezza punta tutta corsa, cambi di passo, tecnica e dribbling, gioca largo a sinistra nel 4-3-3 di Cannarsa, per accentrarsi e concludere con il destro, ma è abile anche con il mancino e si è dimostrato capace di interpretare al meglio anche la fascia opposta. È il secondo marcatore della squadra (sette reti): solo Pallecchi ha fatto meglio.

Per arrivare all’Armando Picchi però, le tappe sono state diverse. Dalla crescita nella Fortis Lucchese ai tre mesi nella Fiorentina, dai tre anni ad Empoli fino al Tuttocuoio: la Toscana se l’è girata già parecchio il giovane Hamza che, con un Livorno ultimo in Serie B ed in trattativa per la cessione societaria, potrebbe addirittura trovarsi protagonista in una futura Lega Pro. Inutile dire quanto ci creda il ragazzo che si ispira ad Alexis Sanchez, al connazionale Sofiane Boufal ed al quasi coetaneo Vinicius Junior.

I margini di miglioramento sono tanti e mister Cannarsa punta nel farlo crescere in freddezza a tu per tu col portiere e nel giocare maggiormente per la squadra. Poi il passaggio da Haoudi ad Houdini sarà immediato: prenditi il futuro, illusionista amaranto.

Alessandro Cortinovis, l'Atalanta ha il suo 'joystick'
Sulle orme di papà Carmine: Della Pietra corre e segna verso il suo sogno