Foto Parma Calcio
Parma

Parma-Udinese, le pagelle degli emiliani: Traorè imprendibile, Ankrah padrone della difesa

Le pagelle del Parma

Luca Bergantini
24.03.2021 14:15

Rinaldi 6.5 – Chiude la saracinesca prima a Ianesi e poi Castagnaviz, bravissimo nel richiamare i suoi quando gli emiliani soffrono.

Circati 6 – Si stacca tanto mettendo pressione al terzino avversario, scende d’intensità nel secondo tempo. Dal 82’ Mustacciolo S.V.

Cucci 6 – Si gioca poco dal suo lato e quando viene chiamato in causa si fa trovare pronto. Dal 82’ Ruggeri S.V.

Ankrah 7 – Dominante per tutta la partita, gli attacchi friulani sbattono tutti contro il centralone ghanese. Nel primo tempo si occupa anche della fase d’impostazione dei suoi.

Casarini 6 – Prestazione buona anche per l’altro centrale emiliano, fa ottimo schermo alla porta protetta da Rinaldi.

Mallamo 6.5 – Partita di sostanza per il mediano crociato, che da il via alla maggior parte delle azioni pericolose per i suoi.

Kosznovszky 6.5 – Un paio di lanci millimetrici mettono davanti la porta i compagni che però non sfruttano, all’inizio del secondo tempo si mette in proprio e sfiora l’eurogol.

Bassoli  6 – Primo tempo difficile per la mezz’ala, nella ripresa la sua prestazione cresce di intensità. Dal 82’ Cipolletti S.V.

Lusha 5.5 – Cercato poco dai suoi compagni, le azioni pericolose arrivano tutte dagli esterni. Dal 58’ Marconi 6 – Un’occasione in contropiede non sfruttata e poco più.

Traore 7– Corsa, dribbling e tecnica, l’ivoriano oggi è imprendibile. Disegna una punizione perfetta che vale il vantaggio emiliano decisivo alla fine dei novanta minuti.

Napoletano 6 – Si abbassa spesso per far salire la manovra crociata, prova ad inventare ma la difesa friulana è attenta su di lui. Dal 72’ Bevilacqua 6 - Qualche azione di contropiede coadiuvata insieme a Traorè e poco altro, il secondo tempo è maggiormente di stampo bianconero.

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 18^ giornata: Cancellieri tallona Vignato, Vitalucci-Chiarella in vetta nel B
Sambenedettese, Alfonsi: "Approccio sbagliato, dobbiamo essere più cinici"