x

x

Yildiz - Screen
Yildiz - Screen

Con la fine di tutti i campionati e di tutte le competizioni europee è ufficialmente cominciato il countdown che ci accompagna verso l'inizio di Euro 2024. Il torneo avrà inizio il 14 giugno con la gara inaugurale tra Germania (nazione ospitante di quest'edizione) e Scozia. Prima di raggiungere questa data però noi di Mondoprimavera vi accompagneremo in esclusiva, scoprendo quali saranno i giovani talenti più promettenti che prenderanno parte alla competizione girone per girone, in modo da arrivare preparati e conoscere tutte le giovani stelle che potrebbero illuminare l'Europeo. Iniziamo con il gruppo F, composto da Portogallo, Turchia, Repubblica Ceca e Georgia.

Euro 2024 gruppo F
Il logo ufficiale di Euro 2024

Portogallo, Martinez pesca dalla Liga Portugal

Anche per quest'edizione degli Europei il Portogallo parte come una delle squadre favorite per la vittoria finale. Inoltre l'arrivo del ct Roberto Martínez ha donato nuove energie ed entusiasmo alla squadra, con un conseguente rinforzo da parte di numerosi giovani, pescati proprio dalla liga portoghese. Uno tra questi è sicuramente João Neves, centrocampista classe 2004 di proprietà del Benfica. Questa stagione per lui è stata la prima da titolare: infatti in campionato ha ottenuto ben 33 presenze in cui ha contribuito con 3 gol e 2 assist. Il suo ruolo è quello di mediano davanti alla difesa e nonostante ci sia molta concorrenza nella rosa portoghese, il classe 2004 potrebbe comunque riuscire a ritagliarsi il suo spazio. Occhio anche ad António Silva, difensore classe 2003, anche lui tra le file del Benfica. Cresciuto nel settore giovanile del club portoghese, è riuscito ad affermarsi in prima squadra già a partire dalla scorsa stagione, conquistando un posto da titolare. Nonostante sia un difensore, il classe 2003 è molto abile nel gioco aereo nell'area di rigore avversaria: con la maglia del Benfica in prima squadra ha realizzato ben 7 gol in due stagioni (di cui 2 in Champions), niente male per un difensore centrale. In occasione di questi Europei occhio anche a Francisco Conceição (figlio d'arte di Sérgio Conceição) classe 2002 del Porto.

Turchia, una generazione di baby fenomeni

La Turchia durante questi ultimi anni sta scoprendo alcuni dei migliori giovani talenti attualmente presenti in circolazione. Questi calciatori non hanno bisogno di presentazioni, ma si trovano di fronte alla loro prima competizione con le nazionali. Uno di questi è la giovane stella del Real Madrid, Arda Güler. Centrocampista classe 2005, durante questa stagione è riuscito ad esordire in prima squadra all'interno di un centrocampo composto da vere e proprie leggende. I suoi numeri sono da capogiro: 6 gol in 10 presenze in campionato, con una media di un gol ogni 62 minuti giocati. A proposito di stelle, non dimentichiamo quella che quest'anno ha brillato a Torino con la maglia della Juventus: Kenan Yıldız. Classe 2005, di ruolo seconda punta, Yildiz è molto abile con entrambi i piedi e predilige la partenza sulla fascia sinistra per poi accentrarsi e calciare con il destro. Nonostante abbia 19 anni appena compiuti, è riuscito a guadagnarsi sotto la guida di Allegri ben 32 presenze, condite da 4 gol ed 1 assist. Resta comunque la qualità assoluta delle reti segnate e delle giocate proposte durante le partite. Tra i convocati spunta anche il nome di Semih Kılıçsoy, attaccante classe 2005 di proprietà del Beşiktaş. La punta centrale di appena 18 anni è riuscito a totalizzare ben 23 presenze in campionato, segnando 11 gol e servendo 3 assist. Numeri importanti per un giovanissimo calciatore che potrebbe dare un supporto importante alla squadra in fase realizzativa.

Repubblica Ceca, sulle ali dell'entusiasmo

Dopo l'ultima buona prestazione all'Europeo del 2021, la Repubblica Ceca ha intenzione di continuare su quei livelli anche per quanto riguarda quest'edizione…e quale modo migliore di farlo se non con i giovani? Uno dei nomi più interessanti è sicuramente quello di Adam Hlozek. Seppur sia solamente un classe 2002, il giovane talento è uno dei maggiori candidati per una maglia da titolare nel tandem offensivo del 3-4-1-2 di mister Hasek. Si tratta di una seconda punta veloce e tecnica ma anche strutturata fisicamente grazie ai suoi 188 cm di altezza, caratteristiche alla base della sua duttilità e abilità di coprire più ruoli nel fronte offensivo. Attualmente milita nel Bayer Leverkusen campione di Germania dove è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante, collezionando 7 gol e 12 assist in 36 presenze stagionali, entrando per lo più a gara in corso. Tra i giovani che si stanno affermando in patria emerge il talento del classe 2003 Matěj Jurásek, attaccante dello Slavia Praga dinamico e duttile, in grado di ricoprire tutti i ruoli offensivi pur prediligendo quello di ala destra da dove può accentrarsi per innescare il suo mancino. 34 presenze condite da 8 gol e 3 assist gli sono valse la chiamata per la sua prima convocazione in una competizione del calibro dell'Europeo. Discorso analogo per Martin Vitík, difensore classe 2003, pilastro dello Sparta Praga e fresco della vittoria del campionato nazionale. Difensore roccioso e forte fisicamente, molto abile nell'uno contro uno e nel gioco aereo. Nonostante la giovane età, Vitík è riuscito a ritagliarsi un ruolo importante nella sua squadra con ben 42 presenze e partecipando in fase realizzativa con 5 gol e 1 assist.

Georgia, debutto assoluto agli Europei

Questo Europeo è un evento storico per la Georgia, che debutterà in maniera assoluta nella competizione entrando ufficialmente nella storia. I giovani convocati dunque si ritrovano una grande responsabilità e di conseguenza daranno tutto per tenere alto il nome della propria nazione. Gabriel Sigua è uno di questi. Centrocampista classe 2005 di proprietà del Basilea, il giovanissimo calciatore si è trasferito la scorsa stagione dal Dinamo Tbilisi per circa 700 mila euro. Quest'anno con il club svizzero ha segnato 3 reti in 17 presenze ed è pronto a dare il suo contributo in nazionale. La nazionale georgiana ha poi convocato un buon numero di classe 2001, di cui fanno parte anche Khvicha K'varatskhelia e Zuriko Davitashvili, calciatori su cui il ct Willy Sagnol fa molto affidamento.

Pescara, nel mirino due giovani del Torino: la situazione
Empoli, niente riscatto per Corona? Le ultime sull'attaccante