Sampdoria

Hellas Verona-Sampdoria le pagelle dei blucerchiati: Sepe fantastico in cabina di regia, Di Stefano gol d'applausi!!!

Le pagelle della Sampdoria Primavera

25.04.2022 15:49

Saio 6: subisce quattro gol, ma nulla può fare per evitarli.

Migliardi 6: tenere a bada i giocatori offensivi dell'Hellas oggi era veramente difficile, commette qualche errore, ma arriva alla sufficienza

Bonfanti 6: bravo in alcuni frangenti a far partire l'azione da dietro. Bravissimo inoltre allo scadere della prima frazione di gioco a far passare i suoi in vantaggio, sbaglia poche volte però ci può stare.

Somma 6: si vede poco nei primi minuti, ma poi cresce. Partecipa in entrambe le fasi di gioco, macina km dimostrando di essere affidabile sulla sua fascia di competenza. Generoso

Montevago 6,5: Un gol, un assist e tanto sacrificio, cosa volere di più un attaccante? Nulla. Promosso.

Di Stefano 6,5: quando tocca palla può diventare sempre un pericolo e lo ha fatto vedere eccome quest'oggi, segnando un gol fantastico, l'ultimo di questo 4-4.

Malagrida 6,5: un motorino in mezzo al campo, non smette mai di correre, mette il suo zampino in ben tre gol, non si può chiedere altro (88' Porcu ).

Bontempi 6: molto impegnato in fase di contenimento, lavoro che svolge bene.

Sepe 7: smista palloni su tutti i fronti del campo, l'architetto blucerchiato, che condisce la sua ottima prestazione con un gol, nel finale rischia il secondo giallo e poi viene sostituito, ma tutto gli può essere perdonare oggi (82' Bonavita).

Bianchi 6: tanto impegno in fase difensiva, specie nel primo tempo, ma nel secondo in avanti è molto pericoloso con qualche cross.

Musso 6:  qualche svarione anche per lui nella difesa a tre ospite vista la pericolosità dei padroni di casa, ma rimedia diverse volte con bei interventi ( 25' Kilafi 6: con il suo ingresso la Samp cambia look e lui corre tanto per la sua squadra)

 

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 34^ giornata: vince Ambrosino, Di Stefano e Nasti sul podio
Come diventare un fuoriclasse? Ce lo spiega l'Avvocato Cataliotti