Nazionali Giovanili

Italia Under 21 verso la Slovenia, Nicolato: "Le assenze ci daranno forza. Dipende tutto da noi"

La conferenza stampa di Nicolato

Matteo Zampini
29.03.2021 16:56

Vigilia di Italia-Slovenia a “Casa Italia”. Domani sera a Maribor l'Under 21 si giocherà in 90 minuti la permanenza all'Europeo, senza bisogno di pensare all'altra sfida tra la Spagna e la Repubblica Ceca. Tutto nelle nostre mani, come ha detto il ct Paolo Nicolato nella conferenza stampa della vigilia, dove si è soffermato anche sugli episodi contro  la Spagna, come leggiamo dal sito della FIGC.

“Ci sono rimasti quindici giocatori di movimento, dieci di movimento più cinque cambi, non abbiamo soluzioni. Contro la Spagna ci sono stati momenti di nervosismo che non si possono giustificare, ma poi ci sono stati episodi un po' gratuiti. Rimango sui fatti, i contatti che abbiamo avuto noi non erano duri, non credo che una mano pesante aiuti lo spettacolo. Sono favorevole alle espulsioni meritate ma per la stragrande maggioranza dei casi i falli sono state cose esagerate. Non va bene ne il troppo e ne il troppo poco. Questa competizione non deve essere usata come progetto pilota, il contatto fisico fa parte del nostro sport e devono essere punite le situazioni antisportive e violente. Bisogna dare un peso a ciascun episodio, un tocco con la mano non può essere trattato come una gomitata. Passione e aggressività sono dei valori che chiedo alla mia squadra, ma non ho visto interventi violenti nei confronti dei spagnoli. Anzi ho visto gli avversari accentuare, alcune situazioni. Da quattro la Spagna segna contro tutti, con noi ha tirato in porta solo quando eravamo in inferiorità numerica. De la Fuente, ci è rimasto male per questo. 

Le assenze devono essere la nostra unità di forza. Le espulsioni di Tonali e Rovella sono state giuste e non le possiamo giustificare. Ma non siamo mai stati cattivi, questa situazione comincia a pesare in termini di giudizio arbitrale. Domani sarà una gara difficile, giocano in casa e sanno di essere molto seguiti dai media locali. Per la Slovenia è una situazione irripetibile, è una squadra che difficilmente subisce gol, e che ha un gran spirito patriotico con giocatori di gran temperamento. Non voglio sapere il risultato dell'altra gara, dobbiamo pensare solamente alla nostra. Tutto il resto può disturbarci, alla fine tireremo le somme. Spero che sia la serata di Patrick Cutrone, gioca poco e questo non lo aiuta , ma ha gran voglia di fare ed è generoso". 

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 22^ giornata: Olzer e Prelec in doppia cifra, salgono anche Baldanzi e Raul Moro
Primavera 2, nuovo rinvio per Cremonese-Pordenone