Nazionali Giovanili

Patrizia Panico, l'allenatrice con la passione del Giappone

L'allenatrice dell'Under 15 Azzurra tra studio, allenamenti e passioni

Karim Dafirbillah
08.05.2020 19:15

La calciatrice italiana più famosa, più titolata e più forte di sempre: Patrizia Panico. Romana di Tor Bella Monaca, conosciuta dagli amici e amiche con il soprannome di 'Bruscolo', è stata l'unica calciatrice ad aver vinto dieci scudetti, il titolo di capocannoniere della Serie A Women per quattordici volte (con più di 600 goal) e l'unica a totalizzare più presenze in Azzurro (204) e più goal (110), venendo inserita di diritto nella 'Hall of Fame' del calcio italiano. Dal 2018 è allenatrice dell'Under 15 (prima donna ad allenare una nazionale maschile), dopo essere stata vice dell'Under 16, e raccontandosi un po' sul sito della F.I.G.C., ha descritto le sue giornate attuali, dove studio e allenamenti primeggiano, e sottolineato il piacere che le procura il suo nuovo ruolo. Attualmente sta studiando per diventare allenatrice U.E.F.A. Pro, preparando la prossima tesi sui modi di andare a segno, ma continuando ad allenarsi, addirittura più di prima. Non manca la rassegna stampa al mattino e lo studio del giapponese, una passione, quella per il Sol Levante, da sempre avuta e che la porta a seguire addirittura le partite del campionato nipponico, oltre che a leggere manga. Ovviamente non possono mancare serie tv (con 'Homeland', 'La Casa di Carta', 'Prison Break' e 'Bates Motel' le sue preferite) e PlayStation ('Fifa' il suo gioco). Il suo lavoro attuale lo trova molto gratificante, selezionare, osservare, accompagnare e mettere a proprio agio i suoi ragazzi è ciò che ama. L'attenzione dell'intervista si sposta sull'importanza che ha cominciato ad avere il calcio femminile in Italia, soprattutto dallo scorso mondiale, che secondo lei è il risultato di un lavoro attento, partito da qualche anno e che deve proseguire su questa scìa. A differenza del passato, oggi, ci sono strutture più importanti e staff più qualificati. Nel chiudere l'intervista cita la calciatrice Manuela Giugliano, definendola molto intelligente tatticamente, e tutto lo staff medico-sanitario nazionale, assegnandogli il suo 'Scudetto del Cuore' per il loro lavoro incessante ed estenuante, oltre che stressante, contro il virus.

La favola di Michele Bragantini, il "Morisaki" del ChievoVerona
Gabriele Zappa, il terzino goleador del Pescara