Primavera Tim Cup

Roma, mister De Rossi amareggiato dopo l'eliminazione in Coppa Italia

Non l'ha digerita il mister di Ostia la sconfitta casalinga per 2-1, contro l'Hellas Verona, con annessa eliminazione

Karim Dafirbillah
04.02.2021 10:01

TUTTE LE NOTIZIE AGGIORNATE SUL CALCIOMERCATO GIOVANILE 

Che mister De Rossi sia un uomo professionale e autorevole, è cosa ormai risaputa, come è risaputo il fatto che proprio questa autorevolezza lo porta a saper usare 'il bastone e la carota' con i suoi. Se dopo la netta vittoria casalinga di domenica della sua Roma, contro il Torino, in campionato era sembrato contento, ma comunque cauto - LEGGI QUI -; ieri, dopo la sconfitta contro l'Hellas Verona, sempre in casa, partita valevole per il passaggio del turno di Coppa Italia Primavera ai quarti di finale, ai microfoni dei colleghi di Roma Tv è sembrato amareggiato e anche abbastanza critico, oltre che sorpreso. Prendere gol sui calci da fermo sembra essere diventata una costante, nonostante il ruolino di marcia della squadra giallorossa, in campionato. "Per noi è semplice: si sono presentate le stesse difficoltà quando la partita si mette in un certo modo, oltre alla questione dei calci da fermo che sta diventando cronica. Mi dispiace, i ragazzi venivano da una prestazione buona. Ma la questione morale va allenata, non è possibile prendere gol da calcio da fermo e poi non trovare soluzioni contro una squadra chiusa. Noi perdiamo fiducia, prendiamo gol, rallentiamo l’azione, perdiamo equilibrio in campo e succede quello che è successo oggi". La concentrazione, poi, ed il migliorarsi partita dopo partita devono essere fondamentali per diventare giocatori da Prima Squadra:"È determinato dall’atteggiamento e della strategia degli avversari. Ma ci deve interessare fino a un certo punto. Se vogliamo portare giocatori in Prima Squadra, dobbiamo migliorare. Bisogna essere pronti almeno in questa categoria, al momento non ci riusciamo. I calci da fermo ci danno veramente fastidio. Ti alleni tutta la settimana e poi basta un calcio d’angolo e la partita sembra segnata, ma non deve essere così". Infine, con l'amarezza dell'eliminazione, spròna con determinazione i suoi per continuare a fare bene in campionato:"Una sconfitta non altera chissà cosa. Si gioca anche per gli obiettivi, la Coppa Italia lo era, lo sottolineo adesso che siamo fuori. Ci dispiace moltissimo, ma non interrompe assolutamente i nostri obiettivi". La Roma scenderà di nuovo in campo, per la 10ª di campionato, giovedì 11, alle 15:00, per la trasferta ostica di Milano contro l'Inter: una settimana, dunque, per riprendersi, ricaricarsi e continuare la marcia verso quel titolo di campioni d'Italia, Under19, che manca ormai dal 2016.

'MONDOPRIMAVERA' E 'TUTTO IL CALCIO' IN UN APP 

 

 

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 28^ giornata: invariato in vetta, Di Stefano aggancia Prelec
Milan, Giunti e Nasti: "Abbiamo regalato due gol, ma abbiamo reagito bene"