Fiorentina

Fiorentina-Lazio, parla Aquilani: "Complimenti ai ragazzi"

Le parole del mister dei viola dopo la vittoria della Coppa Italia

Pietro Nalesso
28.04.2021 21:44

L'allenatore della Fiorentina, Alberto Aquilani, ha parlato al termine della vittoria della Coppa Italia ai microfoni di Sportitalia.

-SECONDA FINALE SU DUE PORTATA A CASA: I ragazzi hanno fatto cose straordinarie, bisogna dare loro qualcosa anche a livello giovanile. Nel primo tempo abbiamo fatto tutto ciò che proviamo in allenamento, si può sbagliare perché si parla di ragazzi di 17/18 anni, su cui spesso si fanno discorsi che non mi piacciono. Questo è il calcio.”

-PRIMO TEMPO DOMINATO, LA LAZIO VI HA MESSO IN DIFFICOLTA' NEL SECONDO: “Il primo tempo è stato straordinario, abbiamo lasciato libera una mezz'ala mettendo due mediani dietro, potevamo fare il terzo e il quarto. Ci sta avere un calo in una finale, i ragazzi son abituati a non perdere, non a giocare per vincere, l'aspetto da sottolineare è la voglia di non prendere gol che i ragazzi hanno dimostrato. Mi auguro che possano diventare calciatori perché se lo meritano."

-CI SONO TANTI ALLENATORI GIOVANI IN SERIE A COME TE; TRA QUESTI DE ZERBI:" Roberto è un amico che stimo tanto, ci tengo a fare i complimenti a Marcello Quinto che ha lavorato con De Zerbi e a tutto lo staff, lo voglio dire pubblicamente, perché senza loro non sarei in grado di fare questo."

-BISOGNA INGRANARE NEL FINALE DI CAMPIONATO: “Il campionato è una maratona con alti e bassi, se non hai una qualità eccelsa e non rimani concentrato rischi di fare figuracce come abbiamo fatto noi, ora lo abbiamo capito."

-SU DANIEL GUERINI: “Ho visto i genitori di Daniel in tribuna, lui era laziale nell'anima e per questo ci scherzavamo su quando lo allenavo, credo che nonostante la sconfitta della sua squadra del cuore sarà contento per noi, tutti lo ricordiamo con affetto."

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 28^ giornata: invariato in vetta, Di Stefano aggancia Prelec
Bologna, sorriso Ruffo Luci: è tornato ad allenarsi in gruppo