Bologna

Bologna-Atalanta, le pagelle dei felsinei: Pyyhtia nell'ombra, Paananen entra al top e cambia il volto alla squadra

Le pagelle dei rossoblù

27.11.2021 11:45

Bagnolini 5: Non perfetto negli interventi e con i piedi, pesano tanto le tre reti subite.

Cavina 5.5: Sale e scende senza sosta, cerca di farsi trovare pronto per dare manforte ai compagni. Non riesce a trattenere le avanzate di Renault e Ceresoli che spesso lo aggirano.    (dal 83' Cossalter S.v.)

Mihai 7: L'anima del Bologna nel primo tempo, gioca a tutto campo ed è uno dei pochi che ci prova fino alla fine cercando di dare una spinta alla sua squadra.   (dal 70' Barta S.v.)

Stivanello 6: Fatica molto a contenere gli attaccanti orobici, cerca però di tenere salda la difesa evitando l'imbarcata. 

Casadei 5.5: Sfortunato nella deviazione del 2-0, si riprende nel secondo tempo dove si fa vedere maggiormente e arriva di più al tiro.        (dal 83' Sigurpalsson S.v)

Raimondo 6: Cerca di sfruttare al meglio gli spazi liberi lasciati dalla difesa nerazzurra ma spesso finisce in fuorigioco. Viene cercato sempre nelle poche azioni offensive ma è quasi sempre chiuso dai difensori. 

Arnofoli 5.5: Cerca di tenere botta ma subisce le incursioni degli avversari.  

Corazza 5.5: Si accentra spesso per dare manforte ai compagni, nel secondo tempo spinge maggiormente ma invano.  

Wieser 5.5: Gioca molto alto e prova a supportare Raimondo intercambiandosi con l'attaccante stesso. In ombra come tutta la squadra, non si esprime al meglio.     (dal 75' Urbanski S.v.)

Pyyhtia 5: Molto nell'ombra, praticamente  non si vede mai.     (dal 46' Paananen 6.5: entra al top ed alza momentaneamente il morale della squadra. Segna e prova a dare una svolta al match con esito però negativo)

Motolese 5.5: Attento a chiudere in difesa, anche se non preciso, quando può si slaccia e aiuta i suoi a centrocampo

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 34^ giornata: vince Ambrosino, Di Stefano e Nasti sul podio
Primavera 3, Bari-Foggia 4-0: il derby pugliese è biancorosso