Calciomercato

Feralpisalò, tanta qualità arriva dai giovani

Anche Bergonzi, Brogni e Gavioli alla corte di mister Pavanel

Karim Dafirbillah
31.08.2020 09:28

La nuova stagione per la Feralpisalò è cominciata lo scorso 12 agosto e si è conclusa venerdì con l'amichevole contro la L.R. Vicenza, persa per 3-0. Nonostante il netto risultato, che ci può stare contro una squadra che è stata protagonista indiscussa nel Girone B di Lega Pro tornando in Serie B, la squadra lombarda ha molta qualità, qualità che viene soprattutto da quei giovani che bene hanno figurato nel Primavera1 e che quest'anno cercheranno di fare altrettanto anche con i professionisti. Brogni, Bergonzi Gavioli (l'anno scorso all'​​​Atalanta, i primi due, e all'​​​Inter) si aggiungono ai prodotti del vivaio Tirelli, Pinardi (figlio di Alex, ex Atalanta ed ora Direttore Sportivo dei verd'azzurro), Messali e Valtulini e a D'Orazio, anche lui arrivato da poco dalla Roma. Nell'amichevole di venerdì, dei tre, a scendere in campo sono stati i soli Brogni, dove in ottanta minuti ha fatto vedere buone cose, e Gavioli nel secondo tempo, come D'Orazio. Sappiamo bene che amalgamare tanti profili non è mai semplice, sia con i campioni che con i giovani, e dove la forza e la capacità di un allenatore sta proprio lì: creare un gruppo, sapendolo mantenere coéso e sfruttare al meglio le capacità di ognuno. Mister Pavanel dovrebbe saperlo bene visto che ha guidato nella sua carriera anche l'Under 19 di Triestina ed Hellas. Bergonzi e Brogni sono due terzini di spinta ma che sanno difendere bene (di destra il primo e di sinistra il secondo); Gavioli è un centrocampista con spiccate doti offensive ma che riesce anche ad adattarsi nella zona nevralgica del campo: un triangolo di belle speranze, dunque. La prossima amichevole per i Leoni del Garda si giocherà sabato pomeriggio alle 15:00, a Pinzolo, contro il Bologna, un'altra amichevole impegnativa che potrà dare smentite e conferme.

Roma, sconfitta in amichevole contro la Viterbese
Cagliari, è tutto fatto per Gagliano all'Olbia