Torino

Torino-Atalanta, le pagelle dei granata: harakiri Todisco e Cancello, buono l'ingresso di Continella

Le pagelle dei giocatori del Torino

Manuel Contartese
25.04.2021 14:30

Girelli 6 Nulla può sulla deviazione sfortunata di Todisco in occasione del primo vantaggio atalantino, mentre forse poteva fare qualcosa di più sul gol di Cortinovis. Dà però sicurezza a tutto il reparto difensivo per buona parte della gara, bloccando diverse conclusioni a rete pericolose: fra tutte, spicca la parata su Kobacki durante la ripresa.

Todisco 5 Sfortunatissimo ad infilare la palla alle spalle di Girelli in avvio di gara, mentre cercava di coprire Kobacki. La sua prova è anche tutto sommato positiva, ma quell'autogol in avvio di gara pesa moltissimo ai fini del risultato e condanna, insieme all'invenzione di Cortinovis, i suoi alla sconfitta.

Spina 6 Se la difesa del Torino copre bene sulle offensive nerazzurre, gran parte del merito è senz'altro suo. Si mette in mostra anche in attacco, soprattutto su palla inattiva: nel corso del primo tempo ha almeno un paio di occasioni sulla testa.  (Dal 90' Aceto sv)

Celesia 6 Partita senza infamia e senza lode per il difensore granata, che difende bene sulle offensive granata e rimane sempre come ultimo baluardo quando la squadra si getta in avanti. Prestazione nel complesso sufficiente.

Greco 6,5 Spinge tantissimo sull'esterno, provando più volte a buttare palloni nel mezzo e arrivando addirittura alla conclusione, che mette in difficoltà Gelmi. Buona anche la sua prova in fase difensiva, dove rientra continuamente per dare supporto ai suoi compagni.

Kryeziu 6 Tanto lavoro sporco per l'ex SPAL, che lotta su praticamente ogni pallone in mezzo al campo, anche se in modo un po' troppo irruento in diverse circostanze. Fa anche il possibile per cercare di mettere ordine in mezzo al campo, impostando l'azione dalla linea mediana. (Dal 65' Tesio 5,5 Non entra particolarmente bene in partita, continuando il lavoro del compagno di squadra in mediana e rimediando lui stesso un cartellino giallo dopo neppure un quarto d'ora.)

Lovaglio 6 Si prende bene il calcio di rigore, frutto di una delle sue continue incursioni in area. Si muove bene in diverse zone del campo, sia per vie centrali che sull'esterno, anche se non riesce ad essere determinante in termini di palle gol.

Savini 5,5 Partita un po' sottotono quella del centrocampista granata, che si fa vedere poco in fase offensiva e non dà il giusto apporto alla fase difensiva. Poteva certamente fare di più, soprattutto in fase di impostazione.

Vianni 6,5 Prende per mano i compagni per larghi tratti del primo tempo, cercando insistentemente il gol del pari. Fatica un po' contro l'ottima difesa orobica, ma riesce comunque ad avere qualche occasione interessante sui piedi. Si spegne un po' nel secondo tempo, complice probabilmente anche la stanchezza. (Dal 65' Oviszach 6,5 Nemmeno il tempo di entrare e l'ex Udinese prova già a buttare palloni nel mezzo per Cancello e La Marca, dando una marcia in più alla manovra offensiva del Torino. Buona prova.)

La Marca 6 Primo tempo un po' sottotono quello del numero 10 granata, che si fa vedere poco in zona d'attacco. Le cose però cambiano radicalmente con l'avvio di ripresa: arriva al cross in diverse occasioni e ha pure una ghiotta occasione con un tiro dal limite, fuori di pochissimo. (Dal 75' Continella 7 Suo il gol che riaccende le speranze del Torino: una bella deviazione di testa sul primo palo che spiazza Gelmi. Sposta gli equilibri a favore della sua squadra, dando quel qualcosa in più che era mancato all'attacco dei granata. )

Cancello 5 Ha una ghiottissima occasione per trovare il gol del pareggio dagli 11 metri, ma si lascia ipnotizzare da Gelmi e il suo tiro a mezza altezza viene prontamente parato dal numero 1 nerazzurro. Prova più volte, nel corso della ripresa, a concludere a rete, ma non si rende mai davvero pericoloso.

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 28^ giornata: invariato in vetta, Di Stefano aggancia Prelec
Torino-Atalanta, le pagelle dei nerazzurri: Gelmi una saracinesca, e che invenzione di Cortinovis!