Lazio

Lazio, Bertini: "Esordio un sogno. Penso ad allenarmi e far bene. Futuro? Non spetta a me decidere"

Le parole del centrocampista biancoceleste dal ritiro di Auronzo

23.07.2021 00:43

La Lazio si sta allenando sotto gli occhi attenti di mister Sarri che in questo ritiro sta puntando a far lavorare la squadra per riprendere la condizione e intanto per farle capire movimenti e dettami tattici che lo hanno portato a trionfare in Italia e in Europa. Tra i ragazzi che si sta allenando con la prima squadra c'è Marco Bertini, centrocampista che nell'ultima giornata ha anche trovato l'esordio in A. Bertini ha parlato dal ritiro di Auronzo di Cadore, ecco le sue parole: 

“Ritiro? Mi sento bene e sono molto felice di essere qui. Proverò a sfruttare nel miglior modo possibile questa occasione allenandomi sempre al massimo, poi vedremo quello che accadrà. Esordio? L’esordio in Serie A è stato un sogno, non me l’aspettavo. È stata un’emozione incredibile. Porterò sempre con me il ricordo di quella giornata. Purtroppo con la Primavera la stagione passata è stata negativa. Ma ripeto, sono felice di essere qui e non mi importa di aver dovuto saltare le vacanze. Futuro? Le decisioni riguardo il futuro non spettano a me, adesso io devo pensare a lavorare e poi si vedrà. Un passo alla volta: adesso sono concentrato sul ritiro, poi si penserà al resto. Calori? Con mister Calori parlo spesso, ci confrontiamo e mi dà consigli. È qui per osservare e per capire come funziona il lavoro. Degli altri centrocampisti, sia delle mezzali che dei mediani, osservo qualsiasi cosa. Sono dei campioni di grande esperienza, posso solo imparare lavorando con loro. Cerco di rubare con gli occhi qualsiasi dettaglio, con l’obiettivo magari di diventare un giorno come loro. Sto osservando non solo quello che riguarda il comportamento dentro il campo, ma anche fuori dal terreno di gioco. Vedendoli da vicino ci si rende conto di quanto sia difficile la vita da professionista: bisogna comportarsi in modo serio. Punto di forza? Non saprei dire quale possa essere il mio punto di forza, però sicuramente ho bisogno di migliorare sulla velocità, sulla rapidità. Sarri è uno dei migliori allenatori in Italia e in Europa, vuole un gioco in cui la palla si muove velocemente. Devo crescere sotto questo aspetto”.

ESCLUSIVA MP - Brescia, Caruso in prestito in D
UFFICIALE- Venezia, nuovo colpo dall'estero per la Primavera