Storia nella competizione

0

29

Il Parma si presenta per la trentesima volta ai nastri di partenza della Viareggio Cup e cercherà di ripetere l’impresa dello scorso anno quando arrivo sino alla semifinale contro l’Inter. Lo scorso anno è stato uno dei migliori risultati ottenuti dalla formazione crociata in questa competizione, dietro soltanto al secondo posto del 1996, nella finale persa contro il Brescia e al terzo posto del 1988. Nella passata stagione la Primavera guidata da mister Iori aveva superato il girone con Nania, Salernitana ed Inter per poi continuare a mietere vittime come Milan e Venezia, entrambe sconfitte ai rigori.

La vittoria contro il Venezia ai rigori nei quarti di finale della scorsa edizione

Le parole di mister Pasquale Catalano

Cammino Stagionale

In questa stagione c’è stato un avvicendamento sulla panchina del Parma, al posto di Iori infatti i crociati hanno affidato la guida tecnica della Primavera a mister Pasquale Catalano. Alla prima stagione nel settore giovanile e alla guida di una formazione Primavera, sta raccogliendo qualche buon risultato, anche se ancora la squadra fatica a trovare quella continuità per fare il salto di qualità. Il Parma ha raccolto un buon bottino di punti che vede i crociati posizionati all’ottavo posto e a poche lunghezze dall’Hellas Verona quinto.

Statistiche Attacco & Difesa

  • Attualmente ottavo in classifica nel campionato Primavera 2/A, con 21 punti.
  • Il Parma è ottavo per gol fatti nel campionato (24) e il miglior marcatore è il gambiano Lamin Colley (classe 2000), con 4 reti insieme al classe 2002 Drissa Camara (Costa d’Avorio).
  • Risulta penultima, con 33 gol, nella speciale classifica dei gol subiti.
  • È ottavo per differenza reti totale (-9), quinto come punti conquistati in trasferta (13), e nono per quelli conquistati in casa (8).
  • In rosa sono presenti 8 stranieri (il 26%) e due nazionale Under.
  • Età media: 18,3

Paragrafo Tattico

Il tecnico Catalano ha sin da subito utilizzato il modulo 4-3-3 per il suo Parma con tante certezze e pochi dubbi per quanto riguarda l’undici titolare, alternato in qualche partita al 3-5-2. In porta Corvi è stato il più utilizzato fra i portieri, ma al Viareggio potremmo vedere lui alternarsi con Bagheria (attualmente in rosa con la prima squadra). Nel reparto difensivo troviamo capitan Di Maggio sulla destra o come terzo centrale, preferito spesso al 2001 Rocchi, che invece aveva iniziato la stagione fra i titolari. In mezzo Botturi e Bane, anche se nelle ultime uscite il tecnico sta preferendo Bisagni, mentre nel ruolo di terzino o ala sinistra a tutto campo c’è Vecchi, autore già di tre reti nel campionato con i suoi inserimenti. In cabina di regia troviamo D’Aloia, faro del centrocampo e sempre presente. Insieme a lui Tardivo, arrivato dal Vicenza in estate e Madonna, fisicità e fosforo per aggiungere qualità e dinamicità alla linea mediana. La mediana è orfana del proprio capocannoniere Camara alle prese con un infortunio che lo sta tenendo fuori prima da molto tempo. In mezzo al campo potrebbe scalare anche Montipò spesso utilizzato come esterno dei tre d’attacco o seconda punta. In avanti Pelle e Davitti si alternano, mentre pare abbia perso il posto Colley.

Da tenere d’occhio

Il giocatore di rilievo di questa formazione è Mattia Tardivo, classe 2000 arrivato dopo il fallimento del Vicenza nella scorsa estate. Mezzala di un centrocampo a tre, può ricoprire anche il ruolo di regista basso: dotato di una buonissima tecnica, riesce ad abbinare alla qualità anche la quantità, con il fisico che gli permette di contrastare e mantenere il possesso. Buona visione di gioco, è spesso uno dei giocatori più pericolosi della formazione crociata con i suoi inserimenti. Può essere lui l’arma di questo Parma che si presenta alla trentesima edizione non con i favori del pronostico ma come possibile outsider.

Nello stesso girone…

7 Marzo 2019

Nania

10 Gennaio 2019

Parma

14 Febbraio 2019

FA Euro L.I.A.C New York

Leave a Reply