Girone 8Squadre straniere

Krasnodar

By 10 Gennaio 2019 No Comments

Storia nella competizione

0

0

Il Krasnodar si presenta come una delle possibili grandi sorprese di questa nuova edizione della Viareggio Cup, forti del proprio blasone in campo nazionale ed internazionale, nonché di un’ottima attenzione nella cura e nello sviluppo del proprio settore giovanile, da cui negli ultimi anni sono usciti giocatori del calibro di Shapi Suleymanov,  ala classe ’99, che probabilmente rappresenta uno dei talenti più fulgidi di tutto il campionato russo, senza dimenticare la punta Ivan Ignatjev, capace di timbrare il cartellino già quattro volte in questa edizione della Premier League russa. Il Krasnodar possiede nel proprio settore giovanile tanti giocatori di talento, che vogliono seguire le loro tracce e che vogliono mettersi in evidenza già nella rassegna viareggina.  

Paragrafo Tattico

Ci attendiamo una compagine che abbini grandissime doti atletiche ed agonistiche alle ottime qualità tecniche dei giocatori offensivi. Una squadra combattiva, che probabilmente scenderà in campo con un 4-3-3 in cui la parte del leone verrà interpretata dai centrocampisti, capaci di fare legna, riconquistare la palla e capovolgere repentinamente l’azione, da difensiva a offensiva, con verticalizzazioni che sanno fare molto male alle squadre avversarie. Probabilmente sarà una squadra esperta, che vuole stupire e mostrare la grandissima crescita del calcio russo, già evidenziata dalla nazionale maggiore nel corso del mondiale casalingo della scorsa estate.

Da tenere d’occhio

Difficile immaginare un autentico leader, non perché manchino giocatori dal grande spessore caratteriale e tecnico, ma – al contrario – perché gli interpreti “chiave” sono diversi e costituiscono nel loro insieme un gruppo solido, forte, determinato, che darà battaglia e uscirà dal campo con la maglia madida di sudore. Probabilmente uno dei maggiori talenti della compagine russa è la punta, classe 2001, Maksim Kutovoy, centravanti dotato di impressionanti doti fisiche, che ha già fatto il suo esordio nella seconda divisione russa, timbrando il cartellino in un’occasione. Si tratta di un giocatore molto intelligente tatticamente, qualità che gli consente di far salire la squadra e di trovare la posizione migliore in area di rigore, e già capace di fare reparto da solo. Eccezionali tanto le doti nel gioco aereo quanto il cinismo in area di rigore, col suo destro potente e preciso. Un giocatore assolutamente da tenere d’occhio.

Leave a Reply