Storia nella competizione

2

33

Il Genoa si presenta ai nastri di partenza della Viareggio Cup dopo aver vinto in due occasioni, nel 1965 e nel 2007, l’ambito trofeo. L’obiettivo è quello di migliorare il già positivo percorso della scorsa annata quando, i rossoblù, sono stati eliminati nei quarti di finale solamente da un gol a tempo scaduto contro l’Inter che avrebbe poi vinto il torneo. Nella fase a girone i grifoncini si sono classificati al primo posto a punteggio pieno riuscendo a sconfiggere tutte e 3 le avversarie: SPAL, AZ Alkmaar e Lucchese. Mentre nei quarti di finale i liguri hanno avuto la meglio sui corregionali dello Spezia.

Vittoria di due anni fa contro il Bologna

La vittoria della scorsa edizione contro l’AZ Alkmaar

Cammino Stagionale

Il Genoa ha avuto un inizio di campionato difficile, nel quale ha ricoperto per diverso tempo le posizioni pericolose della classifica. Ma nell’ultimo periodo i rossoblù sono riusciti a mettere in fila una serie di prestazioni positive e di punti importanti, ottenuti anche con squadre di maggiore caratura, risalendo la classifica fino ad arrivare ad una posizione che, se il campionato finisse oggi, le garantirebbe la salvezza.

Statistiche Attacco & Difesa

  • Attualmente nono in classifica nel campionato Primavera 1, con 27 punti.
  • Il Genoa è ottavo per gol fatti nel campionato (31 contro i 59 della Roma, prima in classifica) e il miglior marcatore è lo spagnolo Flavio Junior Bianchi (classe 2000), con 9 reti (ottavo nella classifica marcatori).
  • Risulta undicesimo, con 36 gol, nella speciale classifica dei gol subiti.
  • È nono per differenza reti totale (-5) e undicesimo come punti conquistati in trasferta (12), mentre per quelli conquistati in casa si classifica quinto (15).
  • In rosa sono presenti 10 stranieri (il 30%) e sei nazionali Under.
  • Età media: 18,3 (leggermente sotto la media del campionato Primavera 1)

Paragrafo Tattico

Mister Sabatini proprone un classico 4-3-3, modulo che propone ormai da diversi anni in rossoblù. Davanti al portiere Russo la difesa a 4 è formata da Candela e Piccardo, che ricoprono rispettivamente la fascia destra e quella sinistra dello schieramento, mentre i due centrali sono Zanoli e da Cunha. Il centrocampo a 3 è solitamente composto da Karic, ormai veterano della squadra rossoblù, Rovella, il regista della squadra, e Zvekanov, capace anche di affacciarsi in zona offensiva. Il trio d’attacco ha visto diversi cambiamenti nel corso di questa stagione, ma il tutto accompagnato da un’unica costante: Flavio Bianchi, capitano e capocannoniere dei grifoncini con 8 gol. Cleonise, Szabo e Micovschi si sono divisi, praticamente in modo equo, gli altri due posti dell’attacco.

Da tenere d’occhio

Uno dei giocatori chiave di questo Genoa Primavera è sicuramente il portiere Alessandro Russo che, con le sue parate, ha aiutato i propri compagni ad ottenere punti importantissimi per la corsa salvezza. Il classe 2001 che, proprio a testimonianza delle sue ottime prestazioni, è nel giro della Nazionale italiana Under 19, ha mostrato grandi qualità anche quando ha dovuto gestire il pallone con i piedi, tanto da aver messo a segno un assist direttamente da un suo rinvio. Il Genoa è quindi pronto ad affidarsi anche alle sue parate per arrivare più in fondo possibile nella Viareggio Cup.

Leave a Reply