Roma, le parole di De Rossi in conferenza stampa

La Roma conquista il pareggio contro il Chievo Verona nel primo turno della Final Six di Primavera 1 ed approda alle semifinali dove affronterà l’Inter, arrivata seconda al termine della regular season. Il tecnico dei giallorossi Alberto De Rossi, in conferenza stampa, ha analizzato il pari contro i clivensi: “Era tutto previsto. Oggi abbiamo affrontato una grande squadra. E’ facile dirlo al triplice fischio ma il Chievo si è confermato un avversario importante. C’è stata un po’ di sofferenza nel finale a causa di qualche giocatore che ha terminato la gara con i crampi ed io avevo già finito i cambi. L’approccio alla partita da parte dei ragazzi non mi è dispiaciuto. Abbiamo subito il contraccolpo per il gol bello realizzato da D’Amico. Nel finale di primo tempo abbiamo provato a costruire qualcosa. In avvio di ripresa, con l’ingresso di Darboe, le cose sono cambiate. E’ un ragazzo interessante, deve crescere dal punto di vista fisico ma ha un’ottima visione di gioco. Abbiamo ricomposto con lui il triangolo a centrocampo con lui, Riccardi e Pezzella e siamo stati bravi a riprendere la gara non una ma ben due volte”

“Non so se la nostra esperienza a giocare partite da dentro o fuori oggi abbia fatto la differenza – ha proseguito il trainer dei lupacchiotti – Il Chievo è una squadra che mi piace molto. Li abbiamo affrontati due volte in campionato e li abbiamo studiati in altre partite e devo dire che sono completi, anche dal punto di vista tecnico. E bisogna sottolineare che noi, il Chievo stesso, l’Udinese ed il Milan sono le poche squadre a far giocare contemporaneamente 5 o 6 giovani del 2001″

Ora in semifinale per la Roma ci sarà l’Inter. Una squadra piena di “veterani” al contrario del Chievo Verona, composta da molti elementi nati nel 2001: “Affronteremo una squadra piena di talenti. Hanno una rosa ampia e questo può fare la differenza soprattutto quando hai a disposizione ben cinque cambi, quasi mezza squadra. Non sto qui ad elencare tutti ma sarà una semifinale molto difficile per noi”.