Playoff Primavera 2, Lazio-Verona: le pagelle degli scaligeri

LEGGI ANCHE LA CRONACA DI LAZIO-VERONA E LE PAGELLE DEI BIANCOCELESTI

Chiesa 6: forse non perfetto sul gol-partita di Czyz, ma decisivo in almeno tre occasioni per tenere in piedi i suoi. Voli da applausi su Capanni, Falbo e Zitelli.

Meneghini 5: il terzino ex Juventus viene messo sotto nel duello con Falbo, che imperversa dalle sue parti per tutti i novanta minuti rendendo complicato il suo pomeriggio.

Peretti 5,5: il capitano non abbandona la nave, ma non riesce a far granché per scuotere i suoi. Come tutta la difesa scaligera viene messo a dura prova dalle iniziative laziali.

Dal Cortivo 5,5: sfortunato il centrale scaligero, che al tramonto del primo tempo cade male sulla spalla sinistra ed è costretto a lasciare anzitempo il match. Fino a quel momento un pò in affanno sulle iniziative biancocelesti. (45′ Righetti 5,5: la sua gara dura poco più di mezz’ora, tempo per rimediare un giallo e lasciare il campo per un problema fisico. Dal 79′ Vigolo s.v.).

Agbugui 6: in un Verona con poche idee, le iniziative del terzino sinistro sono tra le più apprezzabili. Velocità e intraprendenza in fase offensiva, qualche pecca quando si tratta di difendere la zona di competenza.

Nascimento 6: il brasiliano prova a dare un pò di geometrie a un centrocampo poco brillante, rendendosi pericoloso con la battuta di un paio di calci piazzati.

Brandi 5: parte da regista e viene soffocato dal pressing laziale. Spostato sulla mezzala migliora di poco il suo rendimento: prova nel complesso al di sotto della sufficienza.

Saveljevs 5: ci si aspettava di più dal lettone, chiamato a portare per mano i compagni dall’alto della sua esperienza (è un classe ’99, ndr.). Lo si vede solo con un paio di punizioni: troppo poco.

Sane 5,5: ci prova, e già questo è un merito visti i pochi pericoli creati dal tridente offensivo. La sua velocità è una minaccia costante, ma senza supporto dei compagni non riesce a far male.

Fiumicetti 5,5: punto di riferimento al centro dell’attacco, si fa apprezzare in manovra ma decisamente meno quando si tratta di affondare il colpo dalle parti di Alia. Polveri bagnate per il centravanti scaligero.

Caon 5,5: un tempo sull’esterno offensivo mancino, dove Armini e De Angelis riescono a contenerlo in maniera efficace. Un paio di punizioni guadagnate, poco per raggiungere la sufficienza. (46′ Lisi 5,5: poco cercato da un Verona che fatica a creare occasioni di gol, prova a mettersi in proprio con un paio di spunti ben contenuti dalla difesa avversaria).