Primavera Finale Tim Cup, Torino-Fiorentina, le pagelle dei granata

Gemello 6: Non viene chiamato in causa molte volte. Non ha colpe sui goal subiti.

Sportelli 5.5: all’inizio abbina bene velocità e prestanza fisica, con importanti recuperi sugli attaccanti avversari, poi si fa superare (probabilmente subendo fallo) nell’azione che porta al rigore in favore dei viola, e ne esce con un leggero infortunio tale da richiederne la sostituzione (dal 41′ Marcos 5.5: partita non esaltante, ci si aspettava di più!)

Ferigra 6: il difensore granata offre una buona prestazione nel primo tempo riuscendo a tenere testa ai pochi attacchi viola.  Nel secondo tempo non mantiene la stessa concentrazione, commettendo qualche disattenzione (dal 73′ Murati s.v.).

Singo 5: il difensore schierato sul centro-sinistra traballa in più occasioni e non riesce a dimostrare stabilità. Provoca il rigore commettendo fallo dopo essersi fatto superare dall’avversario. Ed infine non produce la necessaria spinta in avanti sulla sua fascia, di cui aveva tanto bisogno la squadra per recuperare lo svantaggio.

Gilli 6,5: offre una prestazione ammirevole, si sposa bene con il modulo costruito dal tecnico granata, svolgendo il suo ruolo sulla fascia destra e proponendosi positivamente al servizio della squadra.

De Angelis 7: centrocampista di qualità, abile nelle aperture per i compagni, non disdegna importanti penetrazioni nel cuore della difesa avversaria.

Onisa 6.5: per il numero 5 serata inizialmente faticosa, ma poi sale in cattedra a dare il meglio. Ad inizio secondo tempo sfiora due volte, in pochi minuti, il goal (colpendo anche la traversa).

Kone 6.5: giocatore possente, mostra un carattere generoso e mette in campo tanta potenza fisica. Ma oltre a ciò, non sembra avere doti tecniche eccelse.

Belkheir 5.5: non offre molti spunti, la sua prestazione è sotto la media, non ha continuità di gioco e non è mai pericoloso. (dall’65’ Moreo 6: entra con tanta voglia di contribuire al recupero del risultato, ma non riesce ad incidere.)

Petrungaro 7,5: bravo nell’uno contro uno, è una spina nel fianco sulla fascia sinistra per i difensori viola, che subiscono più volte le incursioni dell’ex Roma. Veloce e tecnicamente ben dotato, ha lottato fino alla fine.

Rauti 7.5: attaccante di razza, tempistica ottima, pronto a sfruttare le occasioni che si crea, fino ad arrivare al goal con un tiro dalla distanza. Si procura un rigore che purtroppo sbaglia tirando sul palo alla sinistra del portiere e manca l’occasione per riaprire il discorso Coppa. Comunque combina bene spirito di sacrificio e tecnica da ottimo giocatore.