Primavera 2, Cosenza-Crotone: le pagelle dei silani

Quintiero 6: fa il suo, sul primo gol paga la disattenzione di tutta la difesa.

Caiazzo 5,5: arriva poche volte la palla nella sua zona, si preferisce giocare dall’altro lato. Poche palle a destra, esce a tratti con sicurezza.

Santangelo 6: fa il compito sulla fascia sinistra, ci prova anche dalla distanza ma la palla non si spegne al punto giusto. Dal 60’ Cardamone 5,5: gioca con tranquillità, non rischia troppo la giocata.

Paglia 6,5: prova a dettare i tempi di gioco, gli riesce a tratti. Va detto che non va mai sotto giri.

Salines 6,5: gioca con la fasciatura alla coscia destra dopo una settimana piena di acciacchi, risponde presente. Rischia nel finale con un palla svirgolata.

Gagliardi 5,5: una partita sempre al punto giusto, nel finale nonostante il fischio dell’arbitro non arriva su un fallo eclatante, si lascia cadere troppo in fretta senza cercare di restare attaccato alla palla.

Di Salvo 6: in fase di impostazione non disdegna la palla, gara fisica con il centrocampo del Crotone che alza spesso il baricentro. Dal 46′ Amendola 7: un secondo tempo dispendioso di energie, illude i silani con una magia da punizione che si chiude sotto il sette. Un voto in più per il gioiello da calcio piazzato.

Misuri 6: paga ancora l’infortunio, è in costante crescita e può prepararsi con il fisico al finale di stagione. Dal 56’ Nicoletti 5,5: fa il suo compito, è bravo a vedere lo spazio per Peguiron nel finale ma la palla gli viene anticipata.

Mascari 5,5: il Cosenza lo cerca spesso, è obbligato a prendersi la squadra sulle spalle nelle difficoltà. Oggi l’unico lampo è il destro da fuori area.

Peguiron 5,5: non brilla come al solito, gli manca qualcosa. Rischia di trovarsi a tu per tu con il portiere avversario ma viene fermato sul più bello.  Dal 87’ Militano S.V.

Licciardello 6: riesce a smistare palla, il mister gli chiede di avanzare restando sull’esterno ma ogni tanto ha l’occasione per accentrarsi.

FOTO: Andrea Rosito – TifoCosenza.it