Empoli-Ascoli, le pagelle dei toscani

Vivoli 6: l’Ascoli crea pochi pericoli e lui non deve mai intervenire con una parata.

Donati 6: si alza spesso per dare ampiezza alla manovra e combinare con i compagni

Canestrelli 6,5: nel primo tempo l’Empoli conduce maggiormente il gioco e l’azione parte sempre dai centrali, gestisce bene il possesso con passaggi precisi.

Curto 6,5: anche l’altro centrale è coinvolto nella costruzione bassa, e prova anche un paio di lanci in profondità per Balde. Ad inizio secondo tempo effettua un intervento decisivo davanti alla porta, evitando un gol.

Ricchi 6: gioca spesso oltre la linea di centrocampo per dare una soluzione di passaggio esterna alla squadra.

Peretta 6: alterna movimenti esterni a tracce di gioco più centrali, in relazione allo sviluppo di gioco della squadra. Effettua il cross che porta alla traversa di Belardinelli (62′ Sidibe 6: qualche incursione sul centro destra, non riesce a dare il cambio di passo al centrocampo dell’Empoli).

Asllani 6: compone il rombo di costruzione dell’Empoli, spesso si abbassa tra i due centrali o gli gioca davanti per offrire una soluzione di passaggio verticale (74′ Milani 6: va a rafforzare la fase difensiva in un momento in cui l’Empoli non aveva più il controllo sulla partita come nella prima frazione).

Belardinelli 6: dosa le incursioni offensive, ma quando si inserisce è pericoloso, come in occasione della traversa colpita sul finire del primo tempo.

Montaperto 6: svaria per tutto il fronte offensivo e si abbassa per aiutare la costruzione del gioco. Prova spesso l’ultimo passaggio per le punte o la conclusione da fuori (82′ Viligiardi sv).

Balde 6: va spesso in profondità per tentare di allargare i reparti dell’Ascoli,  non impatta bene il pallone da dentro l’area piccola e spreca una buona opportunità nel primo tempo (62′ Cvancara sv).

Bozhanaj 6: si fa vedere maggiormente per qualche giocata al limite dell’area e un paio di conclusioni tentate (62′ Berolini sv).