Primavera 1. Le pagelle dei viola.

 

Ghidotti 6: Prestazione convincente del numero 1 viola che, in questo ventoso pomeriggio fiorentino, si è dimostrato spesso attento e concentrato. Nella prima frazione di gioco da segnalare il reattivo intervento sulla deviazione da due passi di Balde mentre nel secondo tempo nessuna parata degna di nota. Sulla girata di Ricchi, valsa il gol dell’Empoli, si spartisce le colpe con il vento: non ottimale il suo piazzamento ma decisivo anche il soffio di Eolo.

 

Pierozzi 6: Sufficienza meritata per il laterale destro. In fase difensiva contiene ottimamente le avanzate di Bozhanaj, dando sicurezza al reparto mentre in fase offensiva garantisce sempre un’alternativa di passaggio a Montiel.

 

Dutu 6,5: Un’altra grande prova di spessore del centrale rumeno. Difensivamente è ineccepibile riuscendo a contrastare la grande velocità dell’attaccante dell’Empoli, Baldè e dando grande sicurezza al suo reparto. Offensivamente è pericolosissimo: ogni qual volta va a saltare dà grossi grattacapi alla difesa come in occasione del gol, in cui riesce a staccarsi dalle marcature e ad infilare di testa per il raddoppio viola.

 

Antzoulas 6: Con il compagno di reparto Dutu, Antzoulas difensore dalle greche origini forma una coppia di centrali dal sapore balcanico. La sintonia con il compagno di reparto è ottima riuscendo a garantire un’ottima prestazione sia a livello singolo che collettivo. Bravo e attento a non far calciare, quasi mai, il sempre pericoloso Montaperto.

 

Simonti 6: Sufficienza anche per il laterale sinistro. Prestazione molto simile a quella del suo opposto con una corsa fluida e veloce che garantiva la sua presenza fissa sia nella sua trequarti che nella trequarti avversaria.

 

Beloko 6,5: Instancabile: questo aggettivo potrebbe perfettamente riassumere la partita della mezzala viola. Alcuni lo paragonano a Gattuso per la sua grinta e la sua capacità di recuperare palloni ma a differenza dell’ex campione del mondo, il numero 6 gode di maggiori qualità e di una grande velocità. Partita di grandissimo spessore sia a livello tecnico che tattico ed un’ammonizione arrivata dopo il suo ennesimo ripiegamento difensivo.

 

Hanulijak 5,5: Il play basso, solitamente, dovrebbe essere il giocatore che coordina e dirige i movimenti della squadra ma il centrocampista croato quest’oggi non l’ha ampiamente dimostrato. Non commette gravissimi errori ma è spesso fuori dalla partita non incidendo significativamente nelle manovre offensive della sua squadra. (89’ Gillekens: S.V)

 

Meli 5,5: Insufficienza lieve per il capitano viola dovuta sostanzialmente a due fattori; il primo incide in maniera pesante sulla squadra confluendo nel gol che riapre i giochi: Meli, infatti, si perde Ricchi in marcatura che trova il gol dell’1 a 2. Il secondo invece può sostanzialmente riassumersi nella testardaggine di andare spesso al tiro senza impensierire, particolarmente, Saro.

 

Montiel 6: Prestazione sufficiente per il talentuosissimo trequartista viola che si muove tra le linee servendo palloni pericolosi ai suoi attaccanti. Non si rende in prima persona pericoloso per l’Empoli ma rende insidie i suoi compagni che spesso sono imbeccati a rete dalle sue invenzioni. Ottimo nei calci piazzati lo dimostra servendo l’assist a Dutu con un calcio d’angolo battuto alla perfezione. (70’ Nannelli 6: Compitino per la mezzala destra che entra per proteggere il risultato e dare velocità sia in fase difensiva che offensiva)

 

Vlahovic 7: Ottima prestazione dell’attaccante croato che oltre al gol che apre il match, trovato con rabbia e qualità, fa un grande lavoro per la squadra: lotta con i centrali dell’Empoli, porta su la squadra e fa da sponda per l’inserimento dei compagni. Grande partita!

 

Maganjic 5: Nervoso e frettoloso, l’ala croata si rende protagonista di una partita veramente negativa. Poco presente in zona offensiva non è quasi mai pericoloso risultando invece superficiale con l’intervento killer su Ricci nel recupero del primo tempo che gli sarebbe potuto costare il secondo giallo. Sostituito all’intervallo.(46’ Koffi 7: Entra e cambia la partita. Prestazione di altissima qualità e quantità dell’esterno franco-ivoriano che porta velocità sulla corsia di sinistra, saltando spesso l’uomo e servendo in area ottimi palloni per i compagni come quello a Vlahovic per il gol dell’1 a 0. Chiude una partita ottimamente giocata con il gol del 3-1 che mette il punto esclamativo sul match)