Cardinali 6 Buona prestazione nei primi 45′ di gioco, che lo vedono rendersi protagonista di diverse ottime parate. Incolpevole sul tiro angolatissimo di Salcedo, sbaglia invece l’uscita in occasione del 2-1, permettendo così a Rizzo di appoggiare il pallone in rete. Tiene però in gara i suoi fino al rigore di Colidio, esibendosi in altri miracolosi interventi.

Parodi 6 Primo tempo di spinta per il terzino destro giallorosso: le sue sgroppate sull’out sono state di vitale importanza per le manovre offensive della Roma nella prima frazione di gioco. Dopo il pareggio di Salcedo, tuttavia, preferisce rimanere indietro per evitare di sbilanciare la squadra. (84′ Silipo sv)

Coccia 5,5 Partita calante la sua quest’oggi. È senza ombra di dubbio il migliore tra i difensori giallorossi nei primi 20-25′ di gioco, ma poi comincia a calare di concentrazione e attenzione, rendendosi protagonista di diversi interventi fallosi. Il rigore concesso negli ultimissimi istanti di gioco corona una prestazione non particolarmente brillante.

Cargnelutti 6 Alberto De Rossi gli aveva affidato la marcatura di Salcedo, e Riccardo Cargnelutti non se lo è fatto sfuggire nemmeno un secondo nel corso del primo tempo. Ovunque si trovasse il numero 9 nerazzurro, lì si trovava anche il centrale capitolino, pronto a rubargli il pallone. Nell’unica circostanza in cui è arrivato leggermente in ritardo con la marcatura, però, Salcedo è riuscito a colpire.

Semeraro 6 Molto propositivo in avanti, si fa vedere spesso nella trequarti nerazzurra, pronto a ricevere il pallone sulla corsia di sinistra per azzardare un cross in mezzo. Questo suo atteggiamento finisce inevitabilmente per sbilanciare la formazione, lasciando diversi spazi invitanti ad Esposito e compagni per le ripartenze. (64′ Chierico 5,5 Non si nota moltissimo dal suo ingresso in campo, se non negli ultimi minuti di gara, in cui la Roma mette sotto assedio la metà campo nerazzurra.)

Sdaigui 5,5 Prestazione anonima quella dell’italo-marocchino giallorosso quest’oggi. Fatica parecchio a centrocampo, e molto spesso finisce per perdere il possesso del pallone a causa della pressione avversaria. Avrebbe senza dubbio potuto dare qualcosa di più.

Pezzella 5 Lo scontro a distanza tra i playmaker delle due squadre viene oggi perso dal centrocampista giallorosso. Prova sempre e comunque ad impostare l’azione a lanciare i suoi compagni, ma oggi è particolarmente impreciso e i suoi servizi non raggiungono quasi mai il destinatario. Nella fase finale del match, probabilmente per questo motivo, si lascia a qualche fallo di frustrazione.

Greco 6 Non solo centrocampo per il giovane originario del Madagascar in questi 90 minuti di gioco. Se infatti il classe 2000 parte come mezzala sulla destra, in seguito al vantaggio nerazzurro e all’inserimento in campo di D’Orazio e Chierico si arretra, prima come schermo davanti alla difesa e poi come vero e proprio difensore. Tanta corsa, tanta lotta e tanto impegno: viene fermato solo dai crampi. (87′ Besuijen sv)

Cangiano 6 Il numero 10 giallorosso parte come trequartista dietro le punte, ma finisce ben presto per alternare a questo ruolo quello di ala sinistra. Ci prova in tutti i modi a trascinare i suoi alla vittoria: suo il corner in occasione dello 0-1, suoi i tentativi più pericolosi nel corso del secondo tempo. (84′ Nigro sv)

Celar 5 Evidentemente il gigante sloveno non era in giornata. Ci prova, lottando per riuscire a ritagliarsi il proprio spazio in zona pericolosa, ma l’ottima copertura di Nolan e Rizzo finiscono per farlo girare a vuoto, senza lasciargli mai la possibilità di impensierire Dekic. (64′ D’Orazio 5,5 Con il suo ingresso ed il passaggio al 4-3-3 le cose sembrano migliorare per la Roma, ma questa sensazione dura pochi minuti. Non riesce a dare quel qualcosa in più alla manovra per provare a ribaltare il match.)

Estrella 6,5 Alla sua quarta presenza con la maglia della Roma il giovane brasiliano riesce finalmente a trovare il gol, di rapina, appoggiando in rete il momentaneo 0-1 degli ospiti. Ci prova a più riprese anche nel secondo tempo, cercando di trascinare la squadra verso il pari; ma purtroppo per lui, complice anche un po’ di imprecisione, moltissimi palloni finiscono per essere sprecati.