Loria 6,5: Se un albero cade in una foresta e nessuno lo sente, fa rumore? È così che si è sentito il portiere bianconero che ai primi segnali di allarme è stato lasciato sprofondare dalla sua difesa. Compie almeno tre interventi miracolosi che salvano un risultato che poteva essere tennistico. L’unico dei suoi ad uscire a testa alta.

Rosa 5: Esce arrabbiatissimo dopo una prestazione in cui non gli è riuscito nulla o quasi. Prova un timido cross in tutta la partita, Shulianskyi gli va via quando e come vuole. (dal 67′ Leone s.v.)

Capellini 4,5: Un’infintà di palloni persi in fase di costruzione, sempre superficiale in difesa e spesso posizionato male, anche un ammonizione. Baldini lo fa uscire prima per farlo svegliare da questo incubo. (84′ Gozzi s.v.)

Makoun 5: Anche lui spesso mal posizionato, con la palla tra i piedi fa sempre tantissima fatica a trovare la giocata, pasticcia parecchio.

Anzolin 4: Non ci sorprenderebbe se Tsitaishvili gli mandasse una foto del pallone dato che Anzolin non l’ha mai visto oggi. Vince il primo contrasto al 78′, Baldini lo sposta a destra per evitargli ulteriori umiliazioni da parte dell’esterno destro ucraino che lo ha aggirato con qualsiasi finta a noi nota. (84′ Francofonte s.v.)

Morrone 4,5: Perde palloni su palloni, non riesce mai a costruire gioco né a spezzare quello avversario. (59′ Markovic 5, entra per rendere la squadra più pericolosa, missione fallita)

Portanova 4,5: Oggi sembrava totalmente un altro giocatore: sempre leggero nei contrasti, lento a far girare il pallone. Unica nota positiva il colpo di testa e la punizione guadagnata.

Nicolussi Caviglia 5,5: La sua bella punizione è l’unico tiro che impensierisce sul serio la Dynamo Kiev, il resto è tanta noia.

Fagioli 4: Un primo tempo scolastico, sbaglia tutti i palloni giocabili, se non sapessimo chi fosse ci sembrerebbe un brutto scherzo vederlo in campo oggi. (dal 46′ Pinelli 5,5 si impegna a salvare l’onore, ma è difficile predicare nel deserto)

Moreno 5,5: Ci prova con uno spunto individuale visto che il resto della squadra era in gita a Kiev, anche lui potrebbe fare di più ma finisce spesso per incartarsi con la palla tra i piedi.

Petrelli 5: Non gli è arrivato un singolo pallone buono, sull’unico cross giocabile messo in mezzo da Rosa si fa trovare in ritardo.