Dadone 6 Buona prova quella del portiere bianconero, che oggi si mette in luce in più di un’occasione. Incolpevole sul gol di Capanni, nega la gioia del gol a Maldini nel primo tempo, per poi intercettare la conclusione ravvicinata proprio dallo stesso Capanni nel finale di gara.

Bandeira 5,5 Ci ha abituati a vederlo molto spesso a supporto delle punte, ma quest’oggi il terzino bianconero gioca una partita di contenimento. Rimane tuttavia un po’ nell’anonimato, senza grandi interventi compiuti in fase di copertura.

Gozzi 6,5 Ottima la sua prestazione quest’oggi. Il centrale bianconero, dopo un buon primo tempo, si consacra nella seconda frazione di gioco, intercettando al meglio i palloni diretti a Capanni e Tsadjout. In più di una circostanza i suoi interventi si rivelano essenziali.

Capellini 6 Complice anche l’ottima prestazione del compagno di reparto, con cui dimostra di avere una buona intesa, la prova del numero 4 bianconero è ampiamente sufficiente. Sempre attento, accorto, chiude alla perfezioni gli spazi.

Anzolin 5,5 Proprio come il compagno di reparto sulla fascia opposta, Anzolin non si sporge mai in avanti, ma preferisce rimanere in difesa, dove però non ha moltissimo lavoro da fare. ANche lui scompare un po’ nell’anonimato.

Portanova 7 È lui il migliore in campo, senza ombra di dubbio. Passano appena 4 minuti dal fischio di inizio, e già chiama in causa Soncin, sfruttando un errore della difesa rossonera. Si guadagna e trasforma il rigore dell’1-0, lotta su ogni pallone: insomma, un vero e proprio tuttofare del centrocampo. (78′ Ahamada 6 Le sue forze fresche consentono alla Juventus di gestire con maggiore lucidità il vantaggio negli ultimi minuti di gara.)

Francofonte 6,5 Solitamente, con il passare dei minuti, le prestazioni di un giocatore calano: discorso inverso per Francofonte, che invece cresce mano a mano che il tempo scorre. Gioca molto bene il primo tempo e ottimamente il secondo, facendo da filtro tra l’attacco e la difesa bianconeri.

Morrone 6 Fatica a mettersi in luce quest’oggi, anche a causa delle ottime prestazioni dei suoi compagni di reparto. Lavora per questo motivo nell’ombra, ma rimanendo comunque una pedina essenziale per il gioco della Juve: recupera infatti molti palloni, che smistati dai compagni diventano poi buone opportunità per segnare. (92′ Leone sv)

Monzialo 5,5 Non brilla particolarmente la stella dell’attaccante francese quest’oggi. Gioca infatti una partita piuttosto scialba, senza grandi occasione sul piede; anche durante le ripartenze, è stato autore di diversi errori. (58′ Sene 6 entra bene in partita, aggiungendo imprevedibilità alla manovra ospite. Diverse volte riesce ad infilarsi alle spalle della difesa avversaria.)

Moreno 7 Chiamato a giocare fuori ruolo, ed a sostituire un giocatore molto diverso da lui, come Petrelli, quest’oggi il catalano classe 2002 non ha deluso le aspettative. Dimostra però di essere molto più pericoloso quando è libero di muoversi tra le linee: non a caso, pochi minuti dopo l’ingresso di Markovic, trova il gol del definitivo 1-2. (78′ Pinelli 6 Non ha molto da fare, se non dare una mano a gestire il possesso di palla ed il vantaggio fino al fischio finale.)

Rosa 5,5 Prestazione non al top quella dell’ex Palmeiras, che non rende al massimo come esterno di attacco. Le sue accelerazioni e i suoi cross danno molto fastidio alla difesa avversaria, ma dà l’impressione di fare parecchia fatica a seguire la manovra. Poco prima di uscire manca il gol del possibile 1-2. (58′ Markovic 6,5 Il suo ingresso cambia le carte in tavola e permette alla Juve di vincere la partita. Prende infatti, a livello tattico, il posto da punta centrale di Moreno, che è così libero di inserirsi tra le linee e di avere un raggio di azione più ampio.)