Greco S. 6: si lascia scappare un pallone fortunatamente innocuo nel primo tempo ma poi legge bene le situazioni e i suoi interventi sono preziosi. Notevole la reazione sul tentativo di Contini.

Parodi 5.5: soffre sulla sua corsia le offensive del Cagliari. In fase offensiva, non riesce a trovare l’intesa giusta con i compagni. Riesce tuttavia ad annientare un bel inserimento di Lombardi.

Semeraro 6: uno dei più attivi in fase offensiva lato Roma. Il terzino forma una coppia interessante con D’Orazio anche se a volte manca la precisione.

Trasciani 5.5: non riesce a reggere gli assalti avversari e mostra troppa fretta nell’allontanare il pallone invece di cercare le ripartenze. Soffre i tentativi di Lella e commette finalmente un intervento irregolare per poterlo fermare.

Cargnelutti 5.5: anche lui non convince oggi. Se recupera qualche pallone e si mostra abbastanza attento, è suo l’errore che porta il Cagliari a pareggiare su rigore.

Pezzella 6.5: uno dei migliori lato Roma specie nel primo tempo. Porta i suoi in vantaggio sfruttando l’unico spazio possibile. In seguito, cerca sempre di trovare i compagni e mette la sua ottima visione di gioco al servizio della squadra. Notevole un assist su calcio di punizione che purtroppo troverà un compagno fuorigioco. Come se non bastasse, recupera un bel numero di palloni in fase difensiva ed imposta il gioco dei suoi. Cala un po’ nel secondo tempo ma la gara è di qualità.

D’Orazio 6.5: sulla fascia sinistra, è lui che prova a sbloccare la partita. Se non trova il gol, i suoi movimenti con e senza palla portano il pericolo durante tutta la partita. Dall’83′ Bamba: s.v. 

Greco 5: poco convincente Greco che non dà abbastanza sostanza a centrocampo. Lascia troppi spazi e in fase offensiva non c’è l’intesa con i compagni.  Dal 58′ Chierico s.v.

Celar 5: non si può giudicare il suo primo tempo in quanto la sua mancanza di impatto è anche dovuta al fatto che viene servito troppo poco. La Roma sfrutta le fascie e non lo cerca particolarmente. Nel secondo tempo, prova a rendersi utile abbassandosi ma non riesce comunque ad avere impatto: manca l’aggressività. I suoi movimenti diventano più interessanti nel finale ma è tardi.

Riccardi 6: nel primo tempo, tenta di rendersi pericoloso ma si scontra con un Cagliari ben raggruppato. Cresce dopo la ripresa, e sfrutta bene gli spazi che lasciano gli avversari per portare il pericolo. Tenta anche la conclusione ma si trova un portiere molto attento davanti.

Cangiano 6: spinge, prova ma non porta un pericolo vero e proprio nella prima parte di gara. Cresce anche lui nel secondo tempo, approfittando del calo di intensità del Cagliari e riaccende le speranze romaniste. Sfortunatamente per lui, non troverà un esito positivo e le due squadre si lascieranno con un pareggio meritato.