Campionato Primavera 1, Atalanta-Torino, le pagelle dei granata:

LEGGI ANCHE LA CRONACA DI ATALANTA-TORINO E LE PAGELLE DEI BERGAMASCHI

Gemello 6: È incolpevole sui gol, si fa notare grazie a qualche uscita e poco altro.

Gilli 6: Come sempre, attento e concentrato in copertura. Spinge meno del solito ma non sbaglia niente. Affidabile.

Ferigra 7: Encomiabile: lotta, anticipa e dirige i suoi. Bene anche palla al piede, veramente una sicurezza il centrale ex Fiorentina e Barcellona.

Sportelli 5,5: Aveva gestito bene la partita fino all’azione in cui si fa sfuggire Traorè sul fondo; peccato che da quella disattenzione scaturirà il definitivo 3-3.

Enrici 5: Il primo tempo l’Atalanta sfonda sempre dalla sua parte. Non riesce a contenere nè Peli nè le sovrapposizioni di Zortea. ( dal 65′ Ambrogio 5,5: entra per provare a limitare le discese bergamasche. In realtà non cambia molto e Traorè lo mette spesso in difficoltà. )

Adopo 7: Quantità al servizio del centrocampo di Coppitelli, ruba una quantità indistriale di palloni, esce sempre pulito dai disimpegni; e il tutto è condito da un gol da rapace d’area di rigore. Uomo ovunque.

Onisa 7: Si esalta per qualche bella chiusura difensiva, ma è utile alla causa anche in fase di possesso dettando i tempi e padroneggiando a centrocampo. Una sua zampata in area di rigore dà inizio alla rimonta.

De Angelis 6,5: Tecnico, dinamico e intelligente. Una sua giocata d’istinto permette il 2-2 di Rauti. Efficace.

Kone 5,5: Impatta bene i primi minuti, andando al tiro e provando più volte giocate interessanti. Con il passare dei minuti cala e si innervosisce, per questo sostituito. ( dal 65′ Murati 5: entra troppo timido e molle, fa infuriare Coppitelli, che decide addirittura di richiamarlo in panchina. Imperdonabile. Dall’85’ Capone: s.v. )

Rauti 7: È il primo a far partire il pressing granata, si sacrifica tanto e viene premiato. Prima richiama Carnesecchi ad un super intervento, poi lo infila con un gran gol. Concreto.

Millico 6,5: Tutte le volte che ha la palla tra i piedi dà l’impressione di poter fare quello che vuole: non sbaglia un dribbling e riesce facilmente ad andare alla conclusione. Anche oggi una bella prova del capocannoniere del campionato che però si divora il gol del 2-4. ( dal 77′ Petrungaro 5: Forse sono proprio i cambi che non hanno permesso ai granata di portare a casa la vittoria. Perde praticamente tutti i palloni che tocca e non dà la possibiltà ai suoi di rifiatare. )