Empoli-Milan, le pagelle dei ragazzi di Lupi

Soncin 6: nella prima frazione non deve compiere alcun intervento; ad inizio ripresa subisce su calcio di rigore la rete del momentaneo 1-0 da Jakupovic: l’estremo difensore rossonero intuisce la direzione ma non riesce a respingere la sfera. Subito dopo compie un ottimo intervento sulla punizione dello stesso Jakupovic.

Barazzetta 6: in fase difensiva riesce a contenere le sgroppate offensive di Bozhanaj; commette un po’ troppi falli in zone molto pericolose del campo. Ha il merito di pennellare il cross per il pareggio in extremis di Maldini.

Ruggeri 5,5: disputa una gara molto attenta e diligente in fase difensiva il centrale rossonero fino al 50′, quando con un intervento molto ingenuo attera all’interno dell’area di rigore Bozhanaj. Dopo di che non compie nessun intervento degno di nota anche a causa delle poche occasioni da gol create dai toscani.

Torchio 6: come il suo compagno di reparto Ruggeri, gioca un match molto attento in marcatura costante su Jakupovic, riuscendo a limitare per quanto possibile le iniziative dell’attaccante austriaco; da segnalare alcune imprecisioni in fase di impostazione da dietro.

Negri 6,5: il migliore per quanto riguarda la retroguardia milanista: in fase difensiva compie un intervento decisivo su Jakupovic con una diagonale perfetta alle spalle di Torchio; in fase offensiva si propone spesso e volentieri, sfiorando il gol con due conclusioni dalla distanza (dal 83′ Sanchez s.v.).

Torrasi 6: sufficienza guadagnata per il capitano milanista: non in una delle sue migliori giornate, ma riesce sempre e comunque ad essere il faro del centrocampo rossonero. Più errori del solito in fase di impostazione, ma si occupa sempre di dirigere le azioni offensive dei suoi.

Brambilla 5,5: prova opaca per il centrocampista rossonero: fa girare il pallone con molta lentezza nel prio tempo, rendendo così la manovra rossonera più facilmente leggibile dagli avversari toscani (dal 61′ Brescianini 6: entra con il piglio giusto dando dinamismo al  centrocampo rossonero).

Sala 5,5: anche per il numero 7 milanista non una giornata indimenticabile: si inserisce poco rispetto al solito e commette molti errori in fase di impostazione e nell’ultimo passaggio; a metà della ripresa ha sul mancino la palla del pari, ma calcia alle stelle sopra la traversa difesa da Saro (dal 76′ Vigolo s.v.).

Haidara 5,5: quest’oggi non riesce a garantire la solita imprevedibilità sulla corsia di destra: bloccato dal terzino Ricchi, risulta molto impreciso nei cross e negli appoggi. Ad inizio secondo tempo cala fisicamente e Lupi puntualmente lo sostituisce (dal 61′ Tonin 6,5: colpisce un palo con un colpo di testa deviata, sfiorando l’1-1).

Maldini 7: il figlio d’arte salva la formazione di Lupi dall’ultimo posto in classifica grazie ad una perla nel finale: riceve il cross deviato di Barazzetta, controlla e si coordina perfettamente, impattando la sfera al volo e spedendola dritta sotto la traversa. Oltre al gol garantisce sempre la superiorità numerica saltando ripetutamente il suo diretto avversario.

Tsadjout 6,5: lotta e si dà da fare per la squadra: davanti fa reparto da solo e tiene su il pallone nei momenti di difficoltà per i rossoneri. Verso il finale colpisce una clamorosa traversa (sul risultato momentaneo di 1-0) con una conclusione di mancino a botta sicura al limite dell’area piccola, a Saro battuto.