Le pagelle della Roma

Greco 6: incolpevole in occasione dei gol avversari, sicuro nelle uscite alte. Poco impegnato per quanto riguarda il resto della partita.

Parodi 7: grandissima partita del terzino giallorosso, che si propone con costanza sulla corsia di destra sfornando diversi cross interessanti. Perfetto anche in fase difensiva.

Trasciani 6: protagonista in negativo del calcio di rigore assegnato al Viktoria Plzeň. Un po’ in difficoltà nel primo tempo, decisamente meglio nella ripresa quando si riscatta notevolmente.

Cargnelutti 6,5: quasi mai in difficoltà, respinge le minacce ceche senza fronzoli e con grande solidità. Si esalta in partite come queste, riuscendo a trasmettere sicurezza ai suoi compagni di reparto.

Semeraro 7: vale lo stesso discorso fatto per Parodi. Funge da attaccante aggiunto con le sue sortite offensive ed il suo supporto costante alla manovra: va spesso al cross, concedendo soltanto le briciole agli esterni avversari.

Marcucci 6: tanto lavoro sporco per il centrocampista giallorosso, che cerca di smistare palloni e mettere ordine in mezzo al campo. Prova positiva, anche se è mancata un po’ di fantasia.

Pezzella 6,5: più pimpante rispetto a Marcucci, smista tanti palloni e cuce la trama di gioco con grande precisione. Nel finale innesca il contropiede che porta al gol di Riccardi.

Riccardi 8: nelle partite importanti di Youth League non sbaglia mai. Grandissima prestazione del classe 2001, che nel primo tempo si accende ad intermittenza ma nella ripresa si esalta, prima insaccando la terza rete e poi chiudendo i conti con un potente sinistro che chiude il discorso qualificazione.

D’Orazio 7,5: uno dei più positivi sul binario di sinistra. Pericoloso ad inizio partita, prima con un tiro respinto dal portiere, poi con un gol annullato per fuorigioco. La rete – che vale il momentaneo 2-2 – arriva prima della fine del primo tempo, seguita dall’assist per il terzo gol della Roma siglato da Riccardi. (dal 90′ Coccia s.v.)

Bucri 6: non tocca molti palloni, ma si muove tanto e cerca di dare profondità alla manovra della Roma. Si infortuna in occasione di una buona chance in zona gol. (dal 49′ Cangiano 6: agisce nell’inedita posizione di falso nueve, non proprio il suo ruolo. Cerca di sfruttare la sua velocità per dare profondità, riuscendo spesso a tenere alto il baricentro della Roma).

Freddi Greco 6,5: molto rapido e veloce, sfida sempre nell’uno contro uno il diretto avversario creandogli più di un grattacapo e sfornando diversi cross pericolosi. (dal 80′ Chierico s.v.)