Campionato Primavera 1, Sassuolo-Milan: le pagelle dei neroverdi

Turati 6,5: annulla la punizione di Maldini togliendo il pallone dall’incrocio basso del palo, nelle uscite alte è sempre autorevole dando sicurezza al reparto.

Agnelli 6,5: difende bene la fascia quando viene puntato da Capanni, sulla destra limita le sue discese ma quando sale effettua sempre una buona scelta di gioco.

Pilati 6,5: l’iniziale baricentro basso del Sassuolo ne esalta le qualità difensive, difende bene l’area di rigore ed è aggressivo sulle punte rossonere. Non va in difficoltà nemmeno con la palla, dimostrando precisione nella trasmissione corta.

Peluso 6: normale amministrazione per il veterano della partita, mette minuti nelle gambe in attesa di tornare in Prima squadra (79′ Ferraresi 6: entra bene toccando molti palloni nel giro palla basso).

Fiorini 6,5: ottima partita difensiva anche per il terzino sinistro, aiutato anche dal contesto di squadra non va mai in affanno quando il Milan prova passare dalla sua fascia. Va in proiezione offensiva per dare ampiezza solo quando il Sassuolo consolida il possesso nella metà campo avversaria.

Giordano 6: si muove bene con il reparto di centrocampo togliendo spazio e linee di passaggio al Milan.

Ghion 6,5: diversi intercetti e palloni recuperati per il regista neroverde. Aiuta la costruzione del gioco ma si porta anche in zona di rifinitura, servendo un assist a Viero.

Viero 7:  partita intensa in entrambe le fasi per il centrocampista nato nel 1999. Senza palla fa tanto lavoro, alzandosi in pressing sulla prima costruzione avversaria e raddoppiando la marcatura in fascia. Accompagna i diversi contropiedi giocati dai neroverdi ed apre le marcature con un inserimento in area che lo porta a concludere davanti a Soncin (79′ Romeo Sv).

Manzari 6,5: il lancio oltre la linea difensiva del Milan per attivare la sua corsa sulla fascia destra è una soluzione molto utilizzata dalla squadra di Morrone per andare in porta il più velocemente possibile, lui non delude effettuando diversi dribbling e scambi con i compagni che creano occasioni (88′ Mehmetaj sv).

Raspadori 6: effettua la giocata che cambia la partita per lui e la sua squadra, fa espellere il centrale dei rossoneri ma si fa male ed è costretto ad uscire. Gioca una mezz’ora di buon livello arrivando anche alla conclusione dentro l’area di rigore ( 31′ Bartoli 6,5: tanta mobilità nell’ultimo terzo di campo che viene premiata con la belle rete del tre a zero).

Kolaj 7: uno dei giocatori più coinvolti della partita, a differenza dell’esterno destro lui riceve più spesso sui piedi sul centro sinistra per puntare in dribbling la linea difensiva creando così superiorità numerica. Segna il secondo gol della partita scappando sul filo del fuorigioco, mantenendo freddezza e precisione davanti al portiere rossonero (79′ Mattioli Sv).