FOOTURE LAB – MONDOPRIMAVERA

Dopo la prima puntata dedicata all’analisi di Vincenzo Millico (2000) del Torino, ecco un nuovo contenuto della nostra sezione “match and player analysis”. Ancora una volta grazie all’analisi e ad al lavoro svolto da Footure Lab.

In questa occasione non verranno analizzate le statistiche relative ad un singolo giocatore, ma verranno messe a confronto le skills di due giovani talenti del Campionato Primavera. In particolare Erick Ferigra, ecuadoregno classe 1999 del Torino (10 presenze e 1 gol in questa stagione finora, ndr.), e Nicholas Rizzo, italo-brasiliano classe 2000 dell’Inter (6 presenze in questa stagione finora, ndr.).

ECCO UN ESTRATTO DAL REPORT REALIZZATO DA FOOTURE-LAB 👇

PLAYMAKING ⚡

Entrambi i giocatori analizzati giocano in una difesa a 4, nel ruolo di difensore centrale sinistro: Ferigra nel 4-3-1-2 di Mister Coppitelli e Rizzo nel 4-3-3 di Mister Madonna. Passiamo alla gestione del possesso da parte dei due, dove vi sono alcune differenze, anche di contesto collettivo, aldilà del dato della precisione del passaggio (Ferigra 92% vs Rizzo 84%), che non ci dà indicazioni sulla reale incisività e sulle qualità dei due. Dai dati emerge una propensione maggiore del giocatore neroazzurro alla ricerca della verticalizzazione (3,9 tentativi contro i 2,2 di Ferigra ogni 10 passaggi), una percentuale molto alta se rapportata ad un difensore.

I dati qui rappresentati non corrispondono al volume dei passaggi, ma sono frutto dell’elaborazione Footure Lab, in base ad alcuni principi, come tipologia e coefficiente di difficoltà (tra gli altri) e sono rappresentati in percentuale.

Possiamo notare una maggiore propensione di Rizzo alla giocata verticale: entrambi hanno buone percentuali per quanto riguarda il PASSAGGIO CHIAVE (quel passaggio filtrante rasoterra che riesce a superare una o più linee di difesa avversaria, concetto estrapolato dalla Sics dal 2015), altamente qualitativo e indicativo, ma si nota in confronto al collega del Torino una minore ricerca della trasmissione corta o del giro palla, che comunque spesso è influenzato dal contesto collettivo.

Ferigra infatti ha giocato diverse volte con dei compagni di reparto più maturi (come Ansaldi e Lyanco) e quindi più predisposti a rischiare una giocata; nella squadra di Mister Coppitelli poi, i difensori spesso ricercano velocemente il vertice basso del centrocampo o le mezzali che si abbassano in costruzione rispetto alla gestione del ritmo e della ricerca degli spazi attraverso il giro palla.

FASE DIFENSIVA ⛔

 

Ferigra e Rizzo (soprattutto quest’ultimo) presentano una spiccata fisicità che viene accompagnata però anche da ottime letture difensive individuali: dai dati grezzi si evince come i duelli contro i diretti avversari vi siano delle percentuali monstre in favore dei due difensori.

Gli anticipi (sia aerei che bassi) denotano una lettura e una pulizia nei duelli che sono importanti a livello prestativo, anche perché non derivano da duelli di “contatto” come i contrasti aerei e bassi.

 

 

 

Ferigra accentua quello sopra descritto, testimoniato anche dalla sua qualità difensiva principale (oltre i duelli), ovvero l’intercetto su cross, che denota ottime capacità di concentrazione, orientamento e lettura individuale.

Rizzo aggiunge anche i passaggi intercettati tra le sue qualità più spiccate, insieme al contrasto basso e l’intercetto cross.

 

 

📋 PER RICHIEDERE I REPORT COMPLETI DI ENTRAMBI I GIOCATORI,

📧  SCRIVI A INFO@FOOTURELAB.COM

 

❓ Sei un match/video analyst e vuoi dare spazio ai tuoi contenuti sulla nostra piattaforma?

👍 Accettiamo solo analisi relative a giocatori Under 21 e su partite di categorie dal Campionato Primavera in giù.

📧  Inviaci il tuo contributo a info@mondoprimavera.com