Youth League, Juventus-Valencia, le pagelle dei bianconeri

Gioia in casa bianconera con un 3-0 finale che regala ai giovani juventini la qualificazione certa con una giornata d’anticipo. Leggero calo d’intensità nel secondo tempo ma buonissima prestazione di squadra, seguono le pagelle della Juventus Primavera.

Loria 6: il portiere e capitano bianconero sfoggia poche parate quest’oggi, bisogna però riconoscergli l’estrema attenzione su ogni azione e palla inattiva. Nota meno positiva le poche sbavatura nel posizionamento su alcune uscite che, per sua fortuna, non portano a nulla di concreto per gli spagnoli.

Anzolin 6.5: in fase di copertura e di costruzione si dimostra ancora una volta un elemento importante per la formazione juventina. Mette fuori pericolo numerosi palloni che potrebbero ferire e riaprire la partita sul momentaneo 2-0. Cerca di farsi vedere anche in avanti ma finisce con lo sbattere spesso sui difensori avversari.

Gozzi Iweru 6.5: molto bene il numero 15 che inizia la partita ferendo in centrocampo con percussioni fastidiose, continua mostrandosi in grande forma spazzando l’area di rigore e permettendo ai suoi di respirare in momenti di difficoltà. Senza dubbio il pilastro della sua difesa.

Capellini 6: sufficienza più che meritata grazie alle sue avanzate palla al piede che fanno risalire la formazione di casa. Bene anche in copertura sugli attaccanti andalusi.

Meneghini 6.5: la sua corsia viene spesso ferita e le azioni più pericolose arrivano proprio da lì ma non per suoi demeriti, è infatti poco aiutato dai suoi compagni nelle coperture. Fa una buona partita mettendo in risalto le sue qualità fisiche nei contrasti e nei dribbling sulla fascia destra che percorre fino all’ultimo respiro. (dal 62′ Francoforte 6: entra in un momento difficile in cui la Juventus sembra essersi seduta troppo presto, lui si comporta discretamente sulla sua fascia.)

Makoun 6: il numero 5 è il giocatore bianconero che si vede meno oggi. Effettua un paio di cambio campo interessanti e si fa sentire nell’area avversaria, ma niente di concreto.

Nicolussi 7: giocatore straordinario il centrocampista juventino che è protagonista fin da subito prendendosi i meriti di mezzo gol dell’1-0 in cui colpisce il palo prima dell’autogol, l’altra metà se la prende grazie al fantastico assist di tacco sul gol del 2-0. Nel recupero riesce a prendersi il gol intero che vale il 3-0.

Portanova 6.5: grande freddezza sul 2-0 a metter dentro un rigore in movimento. Nel secondo tempo cala d’intensità e commette un errore non da lui nel finale quando vuole colpire il pallone d’esterno ma, a tu per tu col portiere, colpisce di punta mettendo il pallone sul fondo. (dal 83′ Penner s.v)

Fagioli 7: il suo pressing alto comincia al 1′ e finisce al 93′ non dando tregua agli avversari. Il classe 2001 è un giovane molto promettente con un piede non indifferente, dimostrato con il dribbling facile sul difensore spagnolo e il tiro da fuori area che finisce a fil di palo. Solo una delle numerose azioni fantastiche dell’attaccante numero 18. (dal 83′ Pinelli s.v.)

Moreno 6: il giovane spagnolo ha un’indiscutibile tecnica da vendere e vede il gioco in maniera strepitosa, nonostante questo, oggi in diverse occasioni vuole troppo dai suoi dribbling e perde più volte palla. (dal 72′ Frederiksen s.v.)

Petrelli 6.5: in apertura di gara ha tra i piedi il pallone dell’1-0 che spreca da solo davanti al portiere. Si rifà durante la partita con una prestazione in cui mette in evidenza la sua fisicità per far salire i compagni e sfondare la difesa avversaria. L’assist del 3-0 arriva proprio da una sua azione che sembrava persa, invece serve Nicolussi in mezzo per chiudere definitivamente i conti.