Top 11 Primavera 1: i migliori della 8^ giornata

Torna l’appuntamento con la nostra rubrica “11 e lode”, dedicata alla Top 11 del campionato Primavera. Una tradizione settimanale con questa edizione dedicata al campionato Primavera 1, la quale premierà i talenti che più si sono messi in luce su i campi della prima serie del campionato nazionale Under 19. Classico modulo 3-4-3 a trazione decisamente offensiva per il nostro “11 e lode”: non perdiamo altro tempo e andiamo subito a scoprire i grandi protagonisti della 8^ giornata del campionato Primavera 1 del 2018/19, scelti dalla redazione di MondoPrimavera.com.


PORTIERE


Riccardo Daga (Cagliari)

Nella vittoria in trasferta del Cagliari sul campo della Fiorentina, Daga è uno dei protagonisti. Abbassa letteralmente la saracinesca contro gli attaccanti viola, si supera al 76′ quando in uscita bassa è provvidenziale per tenere sul vantaggio i rossoblu.


DIFENSORI

Devid Bouah (Roma)

Nel pareggio interno sul campo del Genoa, Bouah è uno dei protagonisti tra le file della Roma. Sulla sua fascia, a destra, è un modo perpetuo. Realizza un gol strepitoso, partendo dalla sua area e concludendo l’azione negli ultimi undici metri rossoblu.


Nadir Zortea (Atalanta)

E’ una spina del fianco per tutta la partita della difesa del Milan. Sblocca il risultato con un bellissimo diagonale di sinistro che non lascia scampo a Soncin, nella ripresa serve l’assist il momentaneo 3-0 di Piccoli al termine di una devastante discesa sulla sua fascia.


Christian Makoun (Juventus)

In fase difensiva sbaglia qualcosina ad inizio partita contro il Sassuolo, ma poi riesce a ritrovarsi e chiude bene gli spazi insieme a Serrao. Segna il gol del 3-1 che chiude i conti e consegna i tre punti ai bianconeri su un campo tutt’altro che facile.



CENTROCAMPISTI

Thomas Schirò (Inter)

E’ uno dei migliori nel largo successo interno dell’Inter ai danni dell’Empoli. Pronti, via e subito serve un assist filtrante bellissimo per il momentaneo vantaggio di Adorante. Si mette anche in proprio con un’ottima conclusione dalla distanza, la traversa gli nega il gol a portiere battuto.


Andrea Colpani (Atalanta)

E’ uno dei migliori in campo nel largo successo degli orobici ai danni del Milan. I centrocampisti rossoneri faticano a fermarlo in mezzo al campo dove detta i tempi di gioco di tutta la squadra. Realizza due reti: il primo sul calcio di rigore, il secondo direttamente da calcio di punizione.


Manolo Portanova (Juventus)

Non segna, ma in mezzo al campo svolge un compito importante. Chiude gli spazzi con grande grinta e si inserisce con grande pericolosità. Sfiora per due volte il gol che sarebbe stato la ciliegina sulla sua prestazione.


Francesco Mezzoni (Napoli)

Da un suo inserimento micidiale nasce il vantaggio del Napoli a Verona contro il Chievo. Gioca una partita importante, in difesa fatica su Vignato ma con il passare dei minuti prende le giuste misure.



ATTACCANTI

Kevin Cannavò (Palermo)

Man of the match della partita contro l’Udinese, segna una tripletta ed è imprendibile per la difesa bianconera. Il pallone è suo, non solo perché se lo porta a casa, ma perché i difensori friulani non riescono a portarglielo via dai piedi.


Vincenzo Millico (Torino)

E’ il più pericoloso dei suoi contro la Sampdoria e nella ripresa è praticamente imprendibile. La sua doppietta lo porta in vetta alla classifica marcatori e i tre punti che fa guadagnare ai granata sono davvero importanti per il campionato.


Andrea Adorante (Inter)

Nelle ultime giornate sta trovando il gol con grande regolarità e contro l’Empoli trova la doppietta personale. Un rapace nell’area di rigore capace di giocare sul filo del fuorigioco ed essere letale in qualsiasi occasione.