Primavera 1, Sampdoria-Atalanta: le pagelle dei nerazzurri

Carnesecchi 6: sul gol di Stijepovic non può nulla, per il resto si fa trovare pronto sulle conclusioni dalla lunga distanza dei giocatori blucerchiati.

Zortea 6,5: prestazione positiva per il terzino classe 1999 che si fa vedere in tantissime occasioni in fase offensiva con buoni passaggi per i compagni, ma anche con conclusioni personali, una delle quali si stampa sul palo.

Girgi 6,5: buona partita anche per l’altro terzino nerazzurro che concede poco al proprio avversario di competenza e si fa vedere diverse volte nei pressi dell’area avversaria, rendendosi talvolta pericoloso con buone conclusioni.

Kraja 6: in difesa non concede molto, ma non ha neanche molto lavoro da svolgere. Si fa vedere anche dalle parti della porta avversaria con conclusioni dalla lunga distanza. (84′ Gyabuaa Sv).

Okoli 6: prestazione sufficiente per il numero 4 nerazzurro che in difesa non deve fare molto, ma in quelle poche occasioni si fa trovare pronto.

Heidenreich 7: ottima partita quella giocata dal difensore ceco che prima segna la rete del pareggio atalantino con un bel colpo di testa e, poi, va vicino alla doppietta personale con un tiro ravvicinato a porta sguarnita.

Peli 6: ci prova soprattutto nel primo tempo con buoni spunti in coppia con Zortea, nel secondo tempo cala di intensità e, raramente, si rende pericoloso. (91′ Babbi Sv)

Colpani 6,5: buona prestazione per il capitano dell’Atalanta che tenta la via della rete in più occasioni, soprattutto con tiri dalla distanza, mancando il gol di pochi centimetri. Buoni anche i suoi passaggi per i compagni che, difficilmente, risultano errati.

Piccoli 5,5: prestazione insufficiente per il centravanti classe 2001 che non si rende mai pericoloso e, quando ha il pallone tra i piedi, spesso perde il possesso troppo facilmente. (64′ Nivokazi Sv).

Kulusevski 5,5: partita sottotno anche per l’attaccante lituano che sbaglia troppe occasioni nei pressi dell’area avversaria, soprattutto quando, solo davanti ad Hutvagner, si fa ipnotizzare dal portiere ungherese.

Colley 6: dell’attacco è quello che si rende più pericoloso, soprattutto con conclusioni dalla distanza che, però, il portiere blucerchiato è bravo a respingere. Sufficienza comunque meritata per l’attaccante gambiano. (64′ Cambiaghi Sv)