Top 11 Primavera 1: i migliori della 5^ giornata

  • LEGGI ANCHE: I RISULTATI DEL PRIMAVERA 1
  • LEGGI ANCHE: I RISULTATI DEL PRIMAVERA 2

Torna l’appuntamento con la nostra rubrica “11 e lode”, dopo la sosta per le nazionali, dedicata alla Top 11 del campionato Primavera. Una tradizione settimanale con questa edizione dedicata al campionato Primavera 1, la quale premierà i talenti che più si sono messi in luce su i campi della prima serie del campionato nazionale Under 19. Classico modulo 3-4-3 a trazione decisamente offensiva per il nostro “11 e lode”: non perdiamo altro tempo e andiamo subito a scoprire i grandi protagonisti della 5^ giornata del campionato Primavera 1 del 2018/19, scelti dalla redazione di MondoPrimavera.com.


PORTIERE


Leonardo Loria (Juventus)

Il portiere bianconero è determinante per il successo ottenuto dalla sua squadra tra le mura amiche contro il Chievo. Il livello della sua prestazione cresce con il passare dei minuti e tocca il suo apice con il rigore parato a Bertagnoli, che avrebbe potuto cambiare il corso della gara.


DIFENSORI

Filippo Perini (Napoli)

Il difensore è uno dei protagonisti nella sfida contro l’Udinese, segna il gol che porta la vittoria agli azzurri importante su un campo difficile. La rete è la ciliegina di una prestazione ottima anche in fase difensiva.


 Raoul Bellanova (Milan)

L’esterno difensivo rossonero si fa notare per le sue continue sgroppate sulla corsia di competenza. Tali cavalcate sono determinanti per le numerose ripartenze orchestrate dalla formazione milanista contro il Torino.


Francesco Semeraro (Roma)

Tra i giocatori che si sono messi maggiormente in mostra nella sfida vinta dalla Roma contro il Palermo con un netto 5-0. Oltre alla consueta spinta sulla corsia di sinistra, mette a segno il 3-0 recuperando palla per poi concludere un’azione ottimamente orchestrata da Cangiano e Celar.



CENTROCAMPISTI

Emanuele Torrasi (Milan)

Il capitano rossonero è certamente uno dei migliori in campo contro il Torino, mettendo in mostra la solita lucidità con cui giostra nella zona nevralgica del campo. Dai suoi piedi passano in fatti gran parte delle manovre del Milan.


Luca Belardinelli (Empoli)

Tra i protagonisti assoluti dello scoppiettante 3-3 andato in scena sabato a Monteboro tra Empoli e Sassuolo. Oltre ad un’ottima prova nella zona nevralgica del campo, più nella ripresa che nel primo tempo, all’ultimo minuto firma di testa il gol del 3-3, completando così la rimonta empolese dopo aver chiuso la prima frazione di gioco sotto 3-0.


Marco Meli (Fiorentina)

Mandato in campo a metà ripresa, il jolly offensivo viola ripaga nel migliore dei modi la fiducia del tecnico segnando, a pochi minuti dal termine della partita, il gol che regala tre punti importanti alla Fiorentina nel big match contro l’Inter.


Gianluca Gaetano (Napoli)

Giocatore a tutto campo che abbiamo imparato a conoscere già nella passata stagione. Anche contro l’Udinese è decisivo per assist preziosi ai compagni. Non segna, ma illumina il gioco degli azzurri ogni qualvolta tocca il pallone.


ATTACCANTI

 Roberto Piccoli (Atalanta)

Assoluto match winner orobico nella sfida vinta contro il Cagliari. L’attaccante della squadra bergamasca entra in campo a metà del secondo tempo e, con una doppietta d’autore, stende i sardi regalando altri tre punti all’Atalanta.


Nik Prelec (Sampdoria)

Fa il suo lavoro sporco in mezzo alla difesa del Genoa. Mette in discesa il derby della lanterna con il gol che sblocca il match, va vicino al raddoppio ma la traversa gli nega la gioia personale.


Zan Celar (Roma)

Il bomber giallorosso ha confermato la sua vena realizzativa nella larga vittoria ottenuta dalla Roma ai danni del Palermo. Firma il 2-0 dal dischetto, fornisce l’assist vincente a Semeraro per il 3-0 e, nel finale, mette a segno il secondo gol di giornata fissando il punteggio sul 5-0.