Le pagelle dell’Italia Under 20

Zaccagno 7: mai impegnato fino a metà ripresa, quando si esibisce in un buon intervento sul tentativo da parte di De Wit. Non è costretto agli straordinari, ad eccezione di una mischia nel finale e di una super parata in tuffo negli ultimi secondi della gara: un intervento decisivo per blindare l’1-0.

Ghiglione 6,5: schierato nel ruolo di terzino destro, l’esterno della Pro Vercelli gioca una gara pienamente sufficiente. Non si spinge tantissimo in avanti, ma quando lo fa mostra cross interessanti; attento in fase difensiva, soffre un po’ sui palloni alti ma non si prende rischi particolari.

Varnier 6,5: prestazione positiva del difensore del Cittadella, sempre attento sui palloni aerei e puntuale anche nelle chiusure con i piedi. L’Italia rischia pochissimo, anche grazie alla buona prova della difesa.

Marchizza 6,5: al pari di Varnier, il centrale di scuola Roma gioca una partita autoritaria non rischiando praticamente mai, salvo negli assalti finali degli olandesi.

Beruatto 6: attento e concentrato in fase difensiva, a discapito di una scarsa tendenza ad accompagnare l’azione in avanti. Copre bene la zona di competenza, pasticciando in un paio di circostanze ma senza mai commettere errori di rilievo.

Picchi 6: prestazione positiva da parte del duttile centrocampista di scuola Empoli, il quale svolge un buon lavoro nelle due fasi senza mai togliere il piede nei contrasti. (dal 60′ Maggiore 6: mezz’ora fatta di corsa e sacrificio in fase di non possesso per mantenere il vantaggio. Missione riuscita).

Pessina 6,5: il playmaker azzurro porta in vantaggio l’Italia sugli sviluppi di un calcio d’angolo, realizzando il gol che poi decide l’incontro. Nella ripresa bada più alla copertura che alla costruzione del gioco.

Castrovilli 6,5: partita di sacrificio per il classe ’97, che si fa apprezzare più in fase di non possesso che per gli spunti in zona d’attacco, dove comunque firma l’assist vincente dalla bandierina per il gol di Pessina. Offre il proprio aiuto a Beruatto, lottando per portare a casa i tre punti. (dal 85′ Coppolaro s.v.)

Panico 5,5: instaura un sentito duello – più di nervi che tecnico – con Troupee, rimediando anche un cartellino giallo. Non lesina impegno e corsa soprattutto in fase di ripiegamento, però in fase offensiva è quasi un assente ingiustificato.

Rossi 5: stretto nella morsa dei centrali olandesi, spreca un’ottima occasione al 35′ calciando alto da buona posizione. Quasi invisibile nella ripresa, tocca davvero pochi palloni. (dal 75′ Mazzocchi s.v.)

Edera 5,5: costruisce una buona chance al 10′, ma prova a saltare il portiere invece di tirare e viene neutralizzato dall’estremo difensore. Ha sui piedi un altro pallone d’oro a inizio ripresa, ma scivola malamente al momento del tiro. Pasticcione e confusionario, ma ci prova. (dal 75′ Dalmonte s.v.)