Torna l’appuntamento con la nostra rubrica “11 e lode”, dedicata alla Top 11 del campionato Primavera. Undici nomi e una panchina con i talenti che più si sono messi in luce su i campi della Primavera, scelti dalla redazione di Mondoprimavera.com. Classico 3-4-3 a trazione decisamente offensiva per il nostro “11 e lode“: non perdiamo altro tempo e andiamo subito a vedere i grandi protagonisti dell’11^ giornata di campionato, cliccando sui quadratini arancioni per scorrere i reparti dell’undici ideale della settimana.

Clicca sui pulsanti arancioni per navigare all’interno della top 11




PORTIERE

Raffaele Giacobbe (Pisa): Tornato dalla prima squadra per aiutare la Primavera, il portiere nerazzurro si prende almeno metà del merito per lo straordinario pareggio ottenuto dal Pisa contro l’Atalanta di Bonacina. Due super parate sui colpi di testa di Dossena e anche il rigore parato a Mazzocchi, che purtroppo però è più lesto a ribadire il pallone in rete. Un sabato da supereroe, in ogni caso.




DIFENSORI

Alberto Parpinel (Udinese): Undici presenze stagionali sono già un ottimo motivo per tenere d’occhio questo giovane difensore centrale. Ma c’è di più: con il gol contro il Carpi, che mette in discesa la sfida di domenica pomeriggio, raggiunge la seconda marcatura stagionale. Comincia a prenderci gusto e Mattiussi ha un’arma in più sui calci piazzati.

Giuseppe Cuomo (Crotone): Serviva una prestazione super per fronteggiare l’Entella. Il centrale del Crotone ha messo in campo le sue solite qualità: grinta e determinazione. Va in gol alla mezz’ora del primo tempo e alza il muro insieme ai suoi compagni. Capitolano solo nella ripresa al gol del pareggio, ma per il resto prestazione convincente e positiva per lui.




Bambo Diaby (Sampdoria): Il centrale blucerchiato ha deciso il match di sabato contro la Spal. Una partita bloccata dove gli estensi stavano giocando meglio. Serviva un calcio da fermo per sbloccare il match e Diaby si è inserito bene e ha insaccato in rete il gol dei tre punti. Buona prestazione la sua anche in fase difensiva, con qualche buona chiusura.

CENTROCAMPISTI

–  Agostino Rizzo (Palermo):  i rosanero sbancano il “Tre Fontane” fermando l’interminabile striscia vincente della Roma, e lo fanno anche grazie alla strepitosa prestazione sfoderata dal centrocampista classe 1999. Schierato sulla corsia di sinistra, Rizzo solca la fascia dall’inizio alla fine del match, mettendo in ghiaccio i tre punti con un tap-in da bomber e risultando decisivo anche nella metà campo difensiva, come quando anticipa il tentativo a botta sicura di Soleri che avrebbe potuto riaprire i giochi.

Antonio D’Alena (Torino): Il centrocampista granata ha scelto un’occasione importante per siglare i suoi primi due gol stagionali in campionato, risultando il man of the match della difficile trasferta di Bari. Glaciale dal dischetto nel trasformare il rigore dello 0-2, cinico quando chiude il contropiede dell’apoteosi in pieno recupero. In mezzo l’assist per l’incornata di Friedenlieb, a condire una prestazione da trascinatore.




Simone Muratore (Juventus): Il centrocampista classe ’98 si conferma come uno degli elementi più importanti della squadra di mister Grosso. Oltre a mostrare la propria duttilità, iniziando la partita a centrocampo e spostandosi poi, in corso d’opera, al centro della difesa, Simone veste gli insoliti panni da bomber realizzando una doppietta che risulta determinante per il successo dei bianconeri sull’Ascoli.

Abdou Diakhate (Fiorentina): Uno dei migliori del centrocampo viola nella trasferta di Perugia. Il centrocampista domina grazie al suo fisico e alle doti tecniche che, è ormai chiaro a tutti, sono di un’altra categoria. Segna con un po’ di fortuna il gol dello 0-2, ma lancia un segnale: è in crescita e potrebbe essere l’anno della sua maturazione.

ATTACCANTI

Francesco Bonfiglio (Palermo):  L’attaccante tascabile della formazione rosanero sale a quota 5 reti in campionato, scegliendo un sentiero da artista per realizzare quella che ha aperto le danze nel travolgente successo in trasferta contro la Roma. Controllo e dribbling per mandare al bar due difensori, prima del morbido destro a giro che non lascia scampo al portiere; la ciliegina sulla torta di una gara giocata a tutto gas, mettendo a ferro e fuoco la retroguardia giallorossa.

Alessandro Rossi (Lazio): L’attaccante della Lazio si conferma un bomber implacabile, decidendo il big match di giornata con una doppietta che porta il suo bottino di gol in campionato a quota 15. Numeri importantissimi per il centravanti classe ’97, capace di infliggere il primo k.o. stagionale all’Hellas Verona, capolista del Girone A, con due reti che allo stesso tempo rilanciano le ambizioni della Lazio portandola nelle zone nobili della classifica.




Andrea Isufaj (Chievo Verona): Il centravanti clivense ha affrontato una difesa granitica come quella del Sassuolo ed era chiaro fin dall’inizio che le palle gol probabilmente non sarebbero state molte. Lui però non ha fatto una piega e, nel corso del primo tempo, ha sbloccato il match alla prima occasione trasformando in gol un ottimo suggerimento di Vignato. Una rete importante per le sorti del match, segnata da un attaccante sempre più decisivo per le sorti clivensi.

PANCHINA

Dopo aver analizzato i migliori undici dell’undicesimo turno, passiamo alla panchina. Il “numero 12” scelto da questa settimana dalla redazione di MondoPrimavera.com è Alessandro Confente. L’estremo difensore del Chievo Verona è stato decisivo con diversi interventi ad alto coefficiente di difficoltà nella vittoria interna clivense contro il Sassuolo. In difesa trova spazio Rosario Maddaloni tra i migliori nella vittoria del Palermo della Roma e Pio Schiavi, che ha aperto le danze nella vittoria interna del Napoli contro il Trapani.


Non ha trovato il gol ma la sua prova a centrocampo è stata fondamentale per la vittoria del Chievo Verona nel big-match del Girone B contro il Sassuolo: stiamo parlando di Emanuel Vignato che questa settimana occupa il primo posto in panchina per quanto riguarda il ruolo di centrocampista. Con lui troviamo Alessandro De Bonis in gol nella vittoria interna della Pro Vercelli contro l’Avellino. In attacco scelti due centravanti con un importante fiuto del gol come Pietro Pellegri autore di una doppietta nella vittoria esterna del Genoa sul campo della Salernitana. A far compagnia all’attaccante rossoblu c’è un altro giovane che veste ogni weekend gli stessi colori: stiamo parlando di Mario Piras. I due gol messi a segno sabato nella vittoria interna contro la Ternana permettono al Cagliari di rilanciarsi in classifica.

LE VIDEO SINTESI: 11^ GIORNATA