Torna l’appuntamento con la nostra rubrica “11 e lode”, dedicata alla Top 11 del campionato Primavera. Undici nomi e una panchina con i talenti che più si sono messi in luce su i campi della Primavera, scelti dalla redazione di Mondoprimavera.com. Classico 3-4-3 a trazione decisamente offensiva per il nostro “11 e lode“: non perdiamo altro tempo e andiamo subito a vedere i grandi protagonisti della 9^ giornata di campionato, cliccando sui quadratini arancioni per scorrere i reparti dell’undici ideale della settimana.

Clicca sui pulsanti arancioni per navigare all’interno della top 11

15215955_10211459330908825_72465761_o




PORTIERE

– Akira Fantini (Cesena): Fine settimana da eroe per il portiere romagnolo, che s è ritagliato la copertina del match contro la Sampdoria risultando decisivo ai fini del successo dei suoi. Ci sono anche i suoi interventi, infatti, tra le firme in calce ai tre punti: si arrende solo al rigore di Cioce dopo aver mantenuto inviolata la propria rete per un’ora abbondante, prima del triplo capolavoro compiuto nel finale per blindare una vittoria di spessore.

DIFENSORI

– Thadèè Kaleba (Chievo Verona): Il centrale difensivo francese, dopo aver fornito una prova di alto livello la scorsa settimana contro la Juventus, si ripete anche nello scontro diretto contro l’Udinese. Letteralmente un muro, sul quale si infrangono in più occasioni le offensive friulane. Una prova davvero positiva da parte di un giocatore che si sta rivelando come una delle più belle sorprese della Primavera di Lorenzo D’Anna.

Andreaw Gravillon (Inter): Nerazzurri in difficoltà, sotto di un uomo e di un gol nella trasferta di Cagliari. La seconda sconfitta consecutiva sembra materializzarsi all’orizzonte, ma oltre le nuvole sbuca la testa del gigante francese che riporta il sereno sulla squadra di mister Vecchi. La poderosa incornata che vale il pareggio è il viatico per togliere l’Inter dai guai, propiziando la rimonta che permette ai nerazzurri di rilanciarsi in scia al treno di testa del Girone C.




Andrea Badan (Hellas Verona): Dopo la buonissima prestazione fornita contro lo Spezia, il terzino sinistro della squadra scaligera si ripete e riesce a fare addirittura meglio. Nel derby contro il Verona risulta come uno dei migliori in campo, garantendo una spinta costante sulla fascia sinistra e riuscendo a metterci la firma su calcio di punizione con un tiro potente che finisce alle spalle del portiere avversario. Piacevole conferma.

CENTROCAMPISTI

Nicolò Zaniolo (Virtus Entella):  Avevamo parlato dell’esame di maturità del giovane Zaniolo contro l’Atalanta. Una partita difficile che faceva capire a che punto era ed è la crescita del ragazzo. Risultato? Semplice, il gol del pareggio in rovesciata un’autentica perla e un assist con il contagiri per il gol del 3-1 di Mota, che mettono la ciliegina su una partita perfetta da parte sua e della squadra. Serve altro?

Davide Frattesi (Roma): L’anno 1999 scritto sulla carta d’identità lo renderebbe uno dei più giovani dell’undici giallorosso, ma l’impatto del centrocampista è ormai degno di un vero e proprio pilastro della Primavera di mister De Rossi. Mezz’ala, trequartista o esterno: uomo ovunque, sempre all’insegna della quantità e della qualità, con lo sfizio della doppietta che mette il sigillo ai tre punti per la nuova capolista del Girone C.




Oumar Touré (Juventus): Il centrocampista della Primavera bianconera si traveste da eroe di giornata, un appellativo al quale non è abituato ma che gli calza a pennello dopo la prestazione sfoderata in quel di Vercelli. Una gara di estrema diligenza in mezzo al campo, con tanti palloni toccati e ben gestiti e quella dote di farsi trovare, nel finale, al posto giusto nel momento giusto. Il risultato? Controllo, tiro ad incrociare e Juventus che conquista tre punti importanti grazie al suo gol.

Duje Javorcic (Lazio): Dopo il pareggio colto una settimana fa con il Cesena, la Lazio torna a riconquistare i tre punti e lo fa in uno scontro difficile contro una diretta concorrente come la Fiorentina. A decidere l’incontro con i viola è Javorcic, bravo e opportunista nell’insaccare in fondo alla rete la respinta della traversa dopo il colpo di testa di Rossi. E la Lazio vola al secondo posto.

ATTACCANTI

– Dany Mota Carvalho (Virtus Entella): Insieme a Zaniolo, è stato l’incubo della retroguardia bergamasca. I nerazzurri non hanno mai perso in campionato, ma di fronte alla grinta e alla tecnica di questo ragazzo non hanno potuto far altro che “arrendersi”. Due gol e un assist per Zaniolo, dicono molto sulle qualità di Mota, sempre decisivo quando chiamato in causa.

Patrick Cutrone (Milan): Nell’anticipo del venerdì, il Milan soffre l’inizio veemente dello Spezia ma poi lo travolge sotto i colpi di Cutrone. L’attaccante dei rossoneri sale in cattedra e si scatena nel primo tempo, realizzando una tripletta d’autore nell’arco di venti minuti. Un tiro ad incrociare, un tocco sotto beffardo e un colpo di testa che rilanciano la squadra di mister Nava e la fanno salire al secondo posto in classifica.




– Leo Abreu Santos (Bari): Non poteva esserci esordio migliore per l’attaccante portoghese, proveniente dal Madeira e da poco tesserato dalla società biancorossa. La giovane punta infatti segna una doppietta contro il Carpi che regala al Bari i tre punti dopo due sconfitte consecutive. Il primo gol lo segna di testa sugli sviluppi di un calcio piazzato mentre il secondo, dieci minuti dopo il pareggio carpigiano, lo realizza con una zampata in mischia da vero rapace dell’area di rigore. Un debutto che fa ben sperare in vista del proseguo della stagione.

PANCHINA

 Dopo aver analizzato i migliori undici della nona giornata del campionato Primavera passiamo alla panchina. Il “numero 12” scelto questa settimana dalla redazione di MondoPrimavera.com è Domenico Coppola. L’estremo difensore granata è stato decisivo con diversi interventi ad alto coefficiente di difficoltà nel pareggio per 2-2 casalingo contro l’Empoli. Rosario Maddaloni e Giacomo Boccafoglia sono i due difensori che siederanno in panchina. Il primo è stato protagonista con una rete nella vittoria esterna del Palermo sul campo del Pisa, il secondo ha aperto le danze nel colpo in trasferta della Spal contro il Napoli. Michele Bruzzo è uno dei centrocampi scelti questa settimana: il giovane del Genoa ha sbloccato la gara poi vinta dagli stessi rossoblu in trasferta contro il Novara. L’altro è Roberto Criscuolo in gol nella vittoria sul campo del Brescia del Latina. In attacco scelti due bocche da fuoco come il bomber del Chievo Verona Andrea Isufaj protagonista con un grande in gol in semi rovesciata nella vittoria dei clivensi contro l’Udinese e Vincenzo Plescia. L’attaccante del Palermo ha trovato ben due reti nel 3-1 con cui gli stessi rosanero hanno espugnato il campo del Pisa.